Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

De Luca “Non rinuncio al mio terzo mandato. Il Pd parli meglio con il mondo cattolico”

Conchita Sannino, la Repubblica, 20 aprile

Redazione InPiù 20/04/2024

De Luca “Non rinuncio al mio terzo mandato. Il Pd parli meglio con il mondo cattolico” De Luca “Non rinuncio al mio terzo mandato. Il Pd parli meglio con il mondo cattolico” Alla candidatura per il terzo mandato non intende rinunciare. Seguirò la linea Zaia», dice con tono ironico. Alla segretaria del “suo” Pd, Elly Schlein, manda a dire che le «burocrazie romane» non possono determinare il destino di territori ed elettori. Ma sui temi sensibili, come aborto e eutanasia, tiene a lanciare un messaggio più equilibrato: no all’attacco dei diritti, no alle intrusioni nei consultori, ma il mondo cattolico deve avere più ascolto e rispetto nel Pd. Così il governatore della Campania Vincenzo De Luca, intervistato da Conchita Sannino per la Repubblica del 20 aprile. Presidente, c’è un conflitto istituzionale e anche personale senza precedenti tra lei e il governo sui 5 miliardi di euro per i fondi di Coesione e Sviluppo che non arrivano. «Non c’è nessun conflitto personale. C’è una divergenza politica radicale fra chi intende investire risorse in tempi rapidi, e chi ha tempi di decisione biblici. Parliamo del programma 2021-2027 e siamo già al 2024, si rende conto? Ci stiamo “confrontando” da un anno con il governo; abbiamo presentato alla fine il Piano di sviluppo l’11 ottobre scorso, e siamo ancora al palo. Sarebbe stato logico e doveroso siglare l’accordo di coesione in primo luogo con la Campania, che è l’area di crisi sociale più vasta d’Europa, ma il governo ha privilegiato soprattutto il Nord». Esistono margini per una composizione politica? «Al di là di ripetute, continue, e snervanti richieste di chiarimenti e di “controlli” burocratici nel merito del nostro programma - che è di competenza regionale – non sappiamo cosa si voglia in concreto da parte del governo. Noi siamo pronti a confrontarci pubblicamente e serenamente con chiunque. Ma i nostri tempi sono quelli di chi deve rispondere alla gente che ha il problema del pane! Cos’altro dovremo fare?» La Lega spinge fino allo strappo sulla riforma dell’Autonomia, per approvarla il 29. Quali strumenti ha per fermare il ricatto messo in atto dal Carroccio su Chigi? «Stiamo facendo una battaglia di opinione e promuovendo forti iniziative di mobilitazione anche a Roma. Rimangono ora gli strumenti parlamentari da utilizzare con il massimo di determinazione». I ritardi del Sud però esistono al netto delle ostilità evidenti di una parte della destra. Su infrastrutture, digitale e trasporti, siamo indietro: qual è l’autocritica che il Sud fa? «Noi siamo i principali nemici delle clientele e della lamentazione. Rappresentiamo un altro Sud, quello che è fatto di correttezza amministrativa e di rigore spartano. Siamo pronti ad accettare la sfida dell’efficienza nei confronti di chiunque. Ma a partire da un’operazione verità. L’Ufficio dei conti pubblici territoriali ci dice che la spesa pubblica allargata è di 16mila euro pro capite in Italia, e di 12mila al Sud. Mettiamo sul tavolo tutti i dati, con assoluto rigore, e scopriremo mistificazioni inimmaginabili. Oggi, sarebbe indispensabile riflettere invece sull’interesse strategico che hanno il Sud e il Nord del Paese a guardare alle prospettive straordinarie che si aprono nel Mediterraneo, in Africa e nel Medio Oriente».  (Leggi l'intervista completa sul sito InPiù)
Altre sull'argomento
L'Europa secondo Krah. “Non prendo soldi dai russi. Le SS criminali? Sbagliato generalizzare”
L'Europa secondo Krah. “Non prendo soldi dai russi. Le SS criminali? Sbagliato generalizzare”
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.