Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Breton: stop a diesel e benzina, l'intesa sull'auto non cambia. Sì a un fondo per la transizione

Francesca Basso, il Corriere della Sera, 4 novembre 2022

Redazione InPiù 04/11/2022

Breton: stop a diesel e benzina, l'intesa sull'auto non cambia. Sì a un fondo per la transizione Breton: stop a diesel e benzina, l'intesa sull'auto non cambia. Sì a un fondo per la transizione «Il passaggio alle auto elettriche comporterà la distruzione di centinaia di migliaia di posti di lavoro lungo tutta la filiera, saranno circa 600 mila per lintera Ue. Il settore automobilistico fornisce 12,7 milioni di posti di lavoro diretti e indiretti in Europa, pari al 6,6% dell’occupazione totale dell’Ue». Non si fa illusioni il commissario al Mercato interno e all’Industria Thierry Breton, che in un'intervista del 4 novembre 2022 al Corriere della Sera di Francesca Basso, definisce il passaggio all’auto elettrica la più grande trasformazione industriale che l’Ue debba affrontare, tenuto conto dei tempi stretti, con lo stop nel 2035 alla vendita nell’Unione di auto nuove a diesel e benzina, dopo l’accordo raggiunto la scorsa settimana dai negoziatori del Consiglio e del Parlamento Ue.
«Non mi sono mai preoccupato della capacità dei produttori di accelerare l’elettrificazione. Le mie preoccupazioni sono sempre state rivolte alle persone: consumatori e lavoratori», spiega in un’intervista a un ristretto gruppo di media europei tra cui il Corriere.
 
Il ministro all’Industria Urso ha detto che «ci sono margini di intervento» contro la decisione di bloccare la vendita di auto nuove a diesel e benzina dal 2035. Quali sono? «La scorsa settimana è stata presa la decisione tutti insieme, Consiglio e Parlamento Ue, e andrà applicata. C’è però la clausola di revisione al 2026 sugli standard di CO2 per auto e furgoni. Ora dobbiamo monitorare i progressi. In modo da avere il tempo, se necessario, di aggiustare le traiettorie e considerare altre opzioni tecnologiche. Per questo voglio istituire un gruppo, composto dall’intero ecosistema automobilistico — industria, sindacati, consumatori, produttori di elettricità —per fare il punto sui progressi com-piuti. Dobbiamo essere molto vigili visto l’attuale contesto economico. Il gruppo si incontrerà ogni tre mesi».
Su quali aspetti si concentrerà?
«Su come produrremo i 150 GW di capacità elettrica necessari entro il 2050; sui punti di ricarica pubblici, ne avremo bisogno di 6,8 milioni al 2030 e oggi ne abbiamo solo 350.000, il 70% dei quali in Francia, Germania e Olanda; sulle materie prime per le batterie; sui posti di lavoro da riconvertire e sull’accessibilità delle auto elettriche, che restano irraggiungibili per la maggior parte degli europei».
 
Avete previsto fondi aggiuntivi per aiutare la transizione dell’automotive?
«Dobbiamo mobilitare tut- to il sostegno possibile. Per le regioni che dipendono dal carbone è stato creato il Just Transition Fund. Ma non esiste un equivalente per l’ecosistema della mobilità. E ci sono regioni come l’area intorno a Torino in Italia o altre in Germania che sentiranno un forte impatto. Non solo non abbiamo un budget dedicato, ma non abbiamo nemmeno la struttura o la governance per condividere le buone pratiche e facilitare lo scambio di conoscenze tra le regioni direttamente interessate. Per questo ritengo che serva un nuovo fondo per sostenere una transizione giusta nel settore automobilistico, da prendere in considerazione entro il 2026».
 
 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Tolstoj:
Tolstoj: "Siamo solo all'inizio. Rispediremo l'Ucraina nel ...
Corriere della Sera, Marco Imarisio, 25 novembre 2022
Tolstoj:
Tolstoj: "Siamo solo all'inizio. Rispediremo l'Ucraina nel ...
Corriere della Sera, Marco Imarisio, 25 novembre 2022
Breton: stop a diesel e benzina, l'intesa sull'auto non cambia. Sì a un fondo per la transizione
Breton: stop a diesel e benzina, l'intesa sull'auto non cambia. Sì a ...
Francesca Basso, il Corriere della Sera, 4 novembre 2022
Pichetto Fratin:
Pichetto Fratin: "Sul price cap passi in avanti e su rinnovabili ...
Enrico Marro, Corriere della Sera, 28 ottobre
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.