Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Sabbia nera

Cristina Cassar Scalia, Einaudi 2018

Ex libris - Elisabetta Bolondi 21/06/2018

La copertina del libro La copertina del libro E' appena uscito un libro con un nuovo poliziotto creato dalla fantasia di Cristina Cassar Scalia, il vicequestore aggiunto Giovanna Guarrasi, trentottenne palermitana, fuggita a Milano per difficili vicende private e ora trasferita da un anno a Catania, sotto "la Muntagna", il vulcano appena risvegliato, che cosparge di sabbia nera tutto ciò che si trova ai suoi piedi, metafora del disagio che molti catanesi vivono quando nella città si risvegliano i peggiori istinti. La storia raccontata in questo giallo, che è già un bestseller, è legata non solo al presente, ma ad un delitto avvenuto oltre cinquanta anni prima e mai del tutto chiarito.
 
Una antica casa nobiliare fuori città, un rampollo erede di un futuro patrimonio, una vecchia zia arcigna e potente: Alfio Burrano con la sua fiammante Range Rover raggiunge Sciara, dove lo attende un domestico straniero e la sorpresa sgradevole di una infiltrazione d'acqua che ha abbattuto un muro nella parte disabitata della casa. Nel tentativo di controllare il danno, Alfio, dietro ad un montacarichi sconosciuto chiuso da decenni, scopre con raccapriccio il cadavere mummificato di una donna, di cui si riconoscono solo i resti di abiti eleganti.
 
I poliziotti che intervengono sono la  squadra di Giovanna Guarrasi, detta Vanina, con la sua aiutante, la bionda bresciana Marta Bonazzoli, e i fedeli Fragapane, Spanò, Nunnari; il dirigente della Mobile, Tito Macchia, è sullo sfondo. Con tutti questi personaggi impareremo a familiarizzarci nel lungo racconto che si mescola con un altro delitto, avvenuto 56 anni prima, nel 1959, che verrà chiarito anche con l'aiuto, determinante, dell'ormai ottuagenario ex commissario Patanè, che aveva partecipato senza successo alle indagini di allora. Era stato ucciso Gaetano Burrano, il ricchissimo imprenditore, marito di Teresa Burrano, proprio nella stanza dove ora è stato ritrovato il misterioso cadavere, ed era stato processato e condannato ad oltre trenta anni di carcere l'uomo di fiducia di Burrano, accusato ingiustamente, come si appurerà.
 
La trama del romanzo è complicata, i personaggi numerosi e ben tratteggiati, i colpi di scena si susseguono, ma al centro della storia resta Vanina, personaggio fascinoso, vestita in modo apparentemente sobrio ma ben studiato, single ma con una storia sentimentale difficile alle spalle, appassionata del cibo catanese per il quale troppo spesso rompe la dieta, collezionista di film ambientati in Sicilia che sono il suo vero hobby, fumatrice di Gauloises, consumatrice di cappuccini e brioches, curiosa, attenta, intuitiva, innamorata del suo lavoro per il quale sacrifica tutto, anche il sonno.
 
Il libro, intessuto di Sicilia, dialetto, cibi, paesaggi, mare, sabbia vulcanica, si legge con grande piacere: citazioni letterarie, Maigret soprattutto, Sciascia, tanti film siciliani, classici, La terra trema, Nuovo Cinema Paradiso, I cento Passi, fanno da sottofondo allo svolgimento di indagini complicate, dato il tempo lontano in cui due delitti erano avvenuti, tempo di case chiuse, scarsità di mezzi investigativi, di strapotere della mafia non ancora combattuta come lo sarà in tempi più recenti. Trasferte all'Ucciardone, week end ad Aci Trezza, gite ai piedi dell'Etna, molti topos letterari siciliani ricorrono nel libro ma osservati in modo originale.
 
L'autrice, medico, è catanese di adozione e mostra per la città una grande simpatia, che traspare dalle pagine del libro, che consiglio non solo agli appassionati di gialli, ma anche a chi apprezza il romanzo di costume, che in molte parti del libro Cristina Cassar Scalia sa ricostruire con intelligenza e finezza: pettinatrici, maitresse, dame di compagnia, sarte, prostitute, guepières, auto d'epoca, ricostruiscono con esattezza filologica il 1959; il dialetto siciliano, usato con parsimonia e solo in piccoli episodi di colore, è ormai, dopo Montalbano,  comprensibile a tutti i lettori.
Altre sull'argomento
Notte al Casablanca
Notte al Casablanca
Daniela Grandi, Sonzogno 2018
Berta Isla
Berta Isla
Javier Marýas, Einaudi 2018
I Bastardi di Pizzofalcone
I Bastardi di Pizzofalcone
Maurizio De Giovanni, Einaudi 2016
La meta' di bosco
La meta' di bosco
Laura Pugno, Marsilio 2018
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.