Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Spagna, vince la sinistra di Sanchez ma non c'Ŕ maggioranza

L'ultradestra di Vox arriva al 10%

A cura di Askanews 29/04/2019

Il partito socialista spagnolo di Pedro Sanchez vince le elezioni politiche, ma inizia il rebus delle alleanze, perché i 123 seggi conquistati con il 28,7% dei voti non bastano al premier uscente per governare. E non bastano neanche i 42 seggi dell'alleato Podemos. Sicuramente per governare Sanchez avrà bisogno anche del sostegno degli indipendentisti catalani e dei baschi. Seconda notizia della giornata elettorale spagnola, oltre alla tenuta del fronte europeista, è l'ingresso, per la prima volta, dell'ultradestra di Vox, che non sfonda, ma ottiene il 10,3% con 24 seggi. Crollo, invece, dei Popolari (PP), che scendono da 137 a 66 seggi, quasi raggiunti da Ciudadanos (C's) con 57 seggi. ''Il partito socialista ha vinto. E con esso il futuro ha vinto e il passato ha perso'', ha detto Sanchez rivendicando il successo, anche personale, con un incremento delle preferenze per il suo partito dal 23% del 2016. Lontana, però, è la soglia di 176 seggi che garantirà la maggioranza in Parlamento. ''Abbiamo mandato un messaggio chiaro all'Europa e al resto del mondo. Si può vincere l'autoritarismo e l'involuzione - ha aggiunto Sanchez - Formeremo un governo pro europeo''.
Altre sull'argomento
La spuria maggioranza di Ursula
La spuria maggioranza di Ursula
E a Strasburgo si spacca il governo gialloverde
Altro parere
Altro parere
Speriamo di fare la fine della Grecia!
Un valore fatto a pezzi
Un valore fatto a pezzi
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Gli occhi chiusi sui reduci
Gli occhi chiusi sui reduci
Sintesi degli editoriali di principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.