Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Le preoccupazioni di Valditara (viste dall'Australia)

Le classi scolastiche a ômaggioranza italianaö

Fabrizio Galimberti 29/03/2024

Le preoccupazioni di Valditara (viste dall'Australia) Le preoccupazioni di Valditara (viste dall'Australia) Così, il Ministro dell’Istruzione Valditara vorrebbe che nelle classi la maggioranza degli alunni fosse italiana – suppongo volesse dire (si dice ‘volesse dire’ o ‘voglia dire’? chiederò a Valditara…) italiani figli di italiani, fino alla quarta (?) generazione – diciamo, non di colore… Io abito a Melbourne, e nella classe (scuola pubblica) della mia nipotina thailandese undicenne ci saranno circa 25 alunni, dei quali 2 – forse 3 – sono bianchi. Il resto è un tripudio di razze, dai cinesi ai vietnamiti, dagli indiani ai sudamericani, dagli africani ai medio-orientali. Recentemente c’è stato a scuola un ‘Harmony Day’, e ogni alunno/a è stato invitato a indossare il costume tradizionale del suo Paese e a illustrare tradizioni e paesaggi…
 
Ricordo che un quarto di secolo fa, quando presi la cittadinanza australiana (conservando quella italiana), nella cerimonia svolta nella mia circoscrizione eravamo circa 120 ‘nuovi cittadini’, e si contavano sulle dita quelli che erano ‘bianchi’ come me. ‘Sostituzione etnica’? Forse. Ma gli australiani non sembrano preoccupati.
Altre sull'argomento
La malattia del trasformismo
La malattia del trasformismo
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Altro parere
Altro parere
La ôpar condicioö Ŕ un'ossessione ma non sposta voti
Altro parere
Altro parere
Il giorno dello sciacallo
Altro parere
Altro parere
Cosa Ŕ cambiato su Gaza
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.