Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La novitÓ Ŕ che Draghi decide

Il premier consulta e media, ma alla fine si assume la responsabilitÓ di scegliere

Stefano Micossi 28/05/2021

Mario Draghi Mario Draghi Draghi decide. Questa è la vera novità del nuovo governo: nonostante le divergenti vedute tra i partiti che compongono la sua frastagliata maggioranza, quando i nodi vengono al pettine, Draghi decide. E' successo con il Recovery Plan, sta succedendo per le nomine nelle controllate pubbliche come nel blocco dei licenziamenti e, forse tra oggi e domani, nel decreto semplificazione e nell'asseto di governance del Pnrr. Sembra probabile che anche il nodo gordiano della giustizia possa essere sciolto con qualche avanzamento, grazie anche al prudente e tenace lavoro della ministra della giustizia Cartabia. Dove i partiti rinviavano, si arriva al confronto finale e poi Draghi decide.
 
Le decisioni non sono arbitrarie, anzi riflettono serie consultazioni e si collocano in punti di equilibrio attentamente valutati; per le nomine, si sono scelti fin qui nomi impeccabili per le posizioni chiave (vediamo se si potrà evitare di riempire i consigli di personaggi indicati dalla politica, il loro contributo di solito è peggiorativo delle strategie). La buona qualità delle decisioni rende difficile ai partiti di protestare, dunque masticano amaro e inghiottono. L'unica via di scampo è di agitare le loro bandiere ideologiche, puntando a farsi riconoscere in vista delle prossime elezioni - con rischi di erosione del sostegno politico al governo, potenzialmente più gravi man mano che si avvicina l'avvio del semestre bianco per l'elezione del presidente della Repubblica.
Altre sull'argomento
Tempi della giustizia e Pnrr
Tempi della giustizia e Pnrr
L'Ue chiede processi veloci, non processi che decadono per eccesso di ...
Altro parere
Altro parere
Silenzi assordanti
Quei giochi pericolosi
Quei giochi pericolosi
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Il metodo Draghi: ôsmussare gli angoliö e poi decidere
Il metodo Draghi: ôsmussare gli angoliö e poi decidere
La nuova dialettica governo-parlamento-partiti
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.