Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Netanyahu e Hamas, nemici e complici

Il groviglio del Medio Oriente, di cui nessuno tiene il filo

Maria Grazia Enardu 19/05/2021

Razzi lanciati dalla Striscia di Gaza contro Israele Razzi lanciati dalla Striscia di Gaza contro Israele La guerra di Gaza è cominciata a Gerusalemme Est. Netanyahu è ancora in ordinaria amministrazione, i suoi rivali girano a vuoto, e nulla come una seria crisi lo può tenere al potere e fuori di galera. Bibi ha forzato la mano dell'occupazione: sfratti, restrizioni, repressioni in pieno Ramadan, con la strana pazienza dell'Autorità palestinese che gioca in attesa. Hamas ha però deciso di intervenire, in difesa di Gerusalemme/Al Quds ma anche per assestare un colpo ad Abu Mazen. Rimandate di 10 anni, le elezioni non si faranno più, Israele non le vuole, Abu Mazen le teme, e Hamas sta votando con i razzi. E' un triangolo. L'Autorità/Fatah contro Hamas e Israele contro l'Autorità, perché il West Bank è il premio che non si vuole dividere. Da sempre, Hamas e Israele sono nemici e complici, questa guerra non cambia l'assetto. I palestinesi del West Bank non riescono a votare, forse preferirebbero Hamas, meno corrotta, chissà. Ma non è detto che Hamas trionfi a Gaza.
 
I palestinesi dei Territori, tutti, sono in un limbo senza diritti, politici o altro. Inoltre, Israele ha il 20% di cittadini arabi, che non sono proprio uguali agli altri, lo dice chiaro la legge sulla nazione ebraica (2018), capolavoro di Bibi. La loro inquietudine fa paura a Israele, non per un ipotetico appoggio ad Hamas etc ma in termini politici interni: può saltare l'assetto ebraico-sionista su cui poggia lo Stato, il che è un incubo per molti israeliani ebrei. E poi ci sono gli altri, intorno. Amici gelidi, come l'Egitto. La Giordania, condomino ansioso. La Siria, sempre instabile e il piccolo Libano, dove c'è Hezbollah, arabo ma sciita, amico dell'Iran. Che per Bibi è l'arcinemico, ma non per i suoi militari. E i ricchi sodali, uniti nel nome di Abramo: Emirati, Bahrein più il Qatar, che con l'assenso di Israele foraggia Hamas. E dietro ci sono i sauditi. Affari colossali, armi, giochi enormi, a Bibi brillano gli occhi. A coprirlo ha sempre gli Usa, che parlano di diritti umani e poi li lasciano cadere, mentre l'Europa è imbelle, e ogni altro soggetto (Russia, Turchia) ha posizioni complesse. Una partita di cui nessuno tiene il filo, che si aggroviglia sempre più.
Altre sull'argomento
Occupazione, boicottaggi, gelato
Occupazione, boicottaggi, gelato
Il fronte caldo di Ben & Jerry in Israele
Israele volta pagina tra Ue e Nato
Israele volta pagina tra Ue e Nato
La diplomazia di Lapid a Bruxelles
 L'Israele di Bennett e Lapid
L'Israele di Bennett e Lapid
Nuovo governo, nuova politica estera? I rapporti con l'Iran
Lo sgabello del dentista
Lo sgabello del dentista
Abbas l'Altro e il nuovo governo di Israele
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.