Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La guerra dell'acqua tra Egitto ed Etiopia

Potrebbe degenerare il conflitto sul Nilo per la grande diga etiope

Rocco Cangelosi 23/04/2021

La guerra dell'acqua tra Egitto ed Etiopia La guerra dell'acqua tra Egitto ed Etiopia Il pericolo di una guerra per l'acqua porta alla ribalta uno dei più grandi problemi che l'umanità potrebbe essere chiamata a affrontare nei prossimi anni. Ne è un chiaro segnale l'alta tensione che, dopo il fallimento dei negoziati in corso a Kinshasa, permane tra Egitto, Sudan e Etiopia, il cui approvvigionamento idrico dipende in via preminente dalle acque del Nilo. La decisione del governo di Addis Abeba di procedere comunque il prossimo luglio a un nuovo riempimento della GERD, il bacino della grande diga della rinascita etiope, ha suscitato le vibrate proteste di Egitto e Sudan, che temono una forte riduzione dell'afflusso delle acque del Nilo azzurro sui loro territori.
 
L'Egitto ha sempre manifestato grande preoccupazione per la realizzazione della diga, che considera una minaccia esistenziale. Lo stesso Presidente Al Sissi ha dichiarato che la GERD potrebbe creare "un’instabilità inimmaginabile". Una nuova tornata di negoziati potrebbe aprirsi sotto l'egida dell'ONU con la mediazione offerta da Stati Uniti e Unione europea, ma se anche questo tentativo dovesse fallire, la situazione potrebbe degenerare in un vero e proprio conflitto armato, che i Governi dei due Paesi, entrambi in affanno per le rispettive difficoltà interne, potrebbero vedere come una via di uscita per ricompattare il proprio Paese contro il pericolo esterno.
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Una seconda mossa sui dittatori
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.