Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Signora Vita

Ahmet Altan, E/O - 2021

Ex libris - Elisabetta Bolondi 21/05/2021

Signora Vita Signora Vita Esce il nuovo romanzo dello scrittore turco Ahmet Altan, da poco liberato dal carcere dove era stato rinchiuso per “reati d’opinione”, in seguito alle pressioni dell’opinione pubblica internazionale; è uscito nel 2020 e ora pubblicato con la traduzione di Nicola Verderame da E/O, come gli altri romanzi del grande scrittore. La voce narrante è quella di uno studente di letteratura che, in seguito al fallimento della azienda agricola del padre e della sua morte, si trasferisce in città:  privo di denaro ma determinato a proseguire gli studi, vende tutto  e trova rifugio in un ostello, dove occupa una piccola stanza, un bagno grande come un armadio, e cucina in comune: un samovar bolle ed il tè è sempre pronto, come la compagnia degli altri abitanti della casa: una trans, un cuoco, un Poeta,  il padre di una bambina di pochi anni. Per guadagnare qualcosa il ragazzo accetta di partecipare come comparsa al programma di una tv locale, dove si esibiscono donne mature e vistose che ballano, mostrandosi allegre e festose. Tra loro una donna dai capelli ramati, abito da sera color miele, gesti eleganti, raggiunge il nostro studente, lo invita a cena, e da questo incontro nasce un rapporto profondo fra la misteriosa Hayat Hanim e il ragazzo Fazil.
 
Lui è totalmente irretito dalla donna molto più grande di lui, che lo accoglie nella sua casa piena di fiori, di luce soffusa, di cibi appetitosi, di sesso felice, di tempo speso guardando alla tv documentari naturalistici: Hayat Hanim non svela nulla del suo passato, né perché frequenti quello studio televisivo così squallido, né perché non ami la letteratura e non abbia letto neppure un romanzo. Fazil continua a frequentare lo studio, dove incontra una sua coetanea, anche lei studentessa di letteratura, anche lei ridotta alla miseria dal regime dittatoriale che ha privato la sua ricca famiglia dei suoi beni. Sila è bella, condivide con Fazil gusti letterari ed aspirazioni, cominciano una relazione intima, profonda, coinvolgente. Le due donne sono apparentemente ignare dell’esistenza l’una dell’altra, e Fazil si barcamena fra le due storie ugualmente importanti, che gli hanno cambiato la vita. Le vicende politiche però stanno prendendo il sopravvento sulle vite dei singoli personaggi della storia: i professori di letteratura, un faro per Fazil, vengono arrestati. Il Poeta, uno degli abitanti del Ban dove Fazil vive, direttore di una rivista, dopo la chiusura di questa viene raggiunto dalla polizia e si suicida di fronte a lui. E’ arrivato per Fazil il momento delle scelte definitive. Le due donne che ha incontrato giocano un ruolo diverso, sono determinanti nelle sue decisioni, sono i personaggi centrali del romanzo che ne orientano il finale.
 
Un romanzo magnifico, quello di Ahmet Altan, pieno di amore per la letteratura, che si sprigiona in quasi ogni pagina del libro: la letteratura come salvagente che può mantenere l’integrità fisica e mentale sotto una dittatura violenta e assurda come quella che attualmente imprigiona in Turchia intellettuali, professori, studenti, uomini e donne comuni soggetti alla imprevedibile discrezionalità di un potere oscuro, ignorante, oscurantista. L’educazione sentimentale di Fazil, che dalla “Signora” Ayet impara l’amore, la generosità, l’accoglienza, il disinteresse, il buon vivere, lei che si definisce Cleopatra mentre chiama il suo giovane amante Marco Antonio, fornisce ai lettori una visione realistica della situazione della politica turca. Tuttavia la raffinata scrittura di Ahmet Altan, coniugata con la sua cultura vasta e cosmopolita, ci offrono un versante del quotidiano vissuto dai diversi personaggi che compaiono nel libro, molti dei quali sono donne. La professoressa dai tacchi a spillo e dalla raffinata eleganza, Nermin Hanim, coraggiosa e determinata, parla di critica letteraria come se si vivesse in regime di libertà d’opinione: e pagherà un alto prezzo nel difendere i suoi studenti.
Sono grata ad Ahmet Altan del suo coraggio, della sua forza, della sua fede nella forza della letteratura: questo ultimo bellissimo libro, ne è la più valida testimonianza.
Altre sull'argomento
La ruggine del tempo
La ruggine del tempo
Dario Galimberti, LibroMania - 2021
Due vite
Due vite
Emanuele Trevi, Neri Pozza, 2021
Sulle tracce di Livingstone
Sulle tracce di Livingstone
Filippo Scammacca del Murgo, edizioni Infinito, 2021
La combattente
La combattente
Stefania Nardini, e/o, 2021
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.