Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Diario di un amore perduto

Eric-Emmanuel Schmitt, E/O 2021

Ex libris - Elisabetta Bolondi 09/04/2021

La copertina del libro La copertina del libro Eric-Emmanuel Schmitt, scrittore, commediografo, attore e amante della musica, è uno dei più prolifici autori francesi, tradotto in molte lingue, fiore all'occhiello della casa editrice romana E/O che con la traduzione di Alberto Bracci Testasecca ha pubblicato di lui molti romanzi di successo. Questo autore poliedrico spazia in varie direzioni con le sue storie ambientate in diversi paesi, mettendo in scena come su un ipotetico palcoscenico i personaggi più diversi. Ora esce il suo diario, "Journal d'un amour perdu", come recita il titolo originale. Un libro che parla dei due anni che l'autore ha vissuto, in piena depressione, dopo che è mancata la madre amatissima, ultraottantenne. La scrittura di Schmitt ha una potenza straordinaria; la sua capacità di ricreare, attraverso un linguaggio piano ma raffinatissimo, atmosfere e climi affettivi è una sua caratteristica peculiare.
 
La storia dolorosa dell'amore perduto per la madre, e la ricerca del padre, figura controversa e poi alla fine pienamente recuperata, sono raccontate con la delicatezza e la compostezza del grande narratore. Tuttavia questo libro, rispetto agli altri di Schmitt, che ho amato moltissimo, mi è sembrato leggermente ridondante. L'ossessione per la madre, la sua bellezza, il suo fascino, le sue bellissime gambe d'atleta, la sua proverbiale eleganza, sono ripetute nel libro fino all'esasperazione. L'autore sfiora lo scontato tema del rapporto edipico, non fa che piangere, singhiozzare sulla perdita di Jeannine, diviene oggetto di preoccupazione per la famiglia e gli amici, dato lo stato di prostrazione nel quale sprofonda dopo la morte improvvisa e solitaria della donna amatissima, mentre lui era lontano.
 
Ne risentono il suo lavoro di scrittore, le sue performance teatrali, le sue partecipazioni a convegni, a presentazioni dei suoi numerosi libri. Viaggi nella memoria dell'infanzia, della giovinezza, del rapporto simbiotico con la madre e più difficile e problematico con il padre sono la trama di molte pagine del diario. Si riprenderà, soprattutto perché altre due vicende si sovrappongono nel passare dei mesi al lutto insanabile: la morte della adorata cagnetta Fouki, con cui intratteneva un rapporto profondo ed esclusivo, e la gravissima vicenda sanitaria della figliastra, malata, bisognosa di un trapianto di polmoni, incapace di farlo diventare nonno, come gli aveva promesso.
 
Quello che colpisce comunque nelle opere di Schmitt è la potenza della scrittura, così francese, così chiara, davvero cartesiana. L'uso insistito delle figure retoriche, le anafore, gli elenchi, gli asindeti, rendono i suoi testi complessi per le implicazioni psicologiche e culturali ma estremamente leggibili: "Mi piacciono i teatri, tutti i teatri, quelli brutti, quelli piccoli, quelli sontuosi, quelli colossali, quelli intimi, quelli barocchi, quelli austeri, quelli civettuoli, quelli polverosi, quelli rifatti, quelli da rifare, e quelli che non sono stati fatti né da fare...". Insomma un diario intimo, molto auto centrato, molto pieno di divagazioni ma sostanzialmente un percorso sentimentale alla ricerca della propria identità, dei segreti di famiglia mai svelati, delle difficoltà di crescita per un talentuoso intellettuale legato alla mamma in modo forse morboso, ma certamente letterariamente convincente.
Altre sull'argomento
Flora
Flora
Alessandro Robecchi, Sellerio 2021
Autobiografia di Petra Delicado
Autobiografia di Petra Delicado
Alicia GimÚnez-Bartlett, Sellerio 2021
Vipere a San Marco
Vipere a San Marco
Paolo Forcellini, Marsilio 2021
I genii di Mozia
I genii di Mozia
Lorenzo Nigro, Il Vomere - 2021
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.