Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Brexit, Johnson sfida l'opposizione a votare la sfiducia

Corbyn chiede le dimissioni del premier

A cura di Askanews 26/09/2019

Ancora una volta se ne sono viste delle belle a Westminster. Boris Johnson tornato in Parlamento sfida l'opposizione a votare una mozione di sfiducia, per sbloccare la crisi sulla Brexit, di fronte ai deputati riuniti in un'atmosfera quanto mai surriscaldata. ''Quindi, se il partito di opposizione non ha fiducia nel governo, avrà la possibilità di dimostrarlo e avranno fino alla fine della riunione odierna per una mozione di sfiducia contro il governo. E noi la potremmo votare domani''. Proprio quell'opposizione che lo aveva accusato di un colpo di mano con la chiusura forzata delle due Camere, sventata solo grazie al potere giudiziario. Ma il premier britannico non sembra intenzionato a cambiar stile e ha troncato il dibattito alla Camera dei Comuni, riaperta dopo la sentenza della Corte Suprema di martedì, rispondendo con un ''No'' secco alla richiesta di un deputato laburista sulla possibilità di chiedere un nuovo rinvio per la Brexit.''Per il bene del Paese, se ne vada'' ha tuonato il labour Jeremy Corbyn. Ed è ancora una volta muro contro muro, per una Brexit che sembra sempre più una storia infinita di pessimo gusto.
Altre sull'argomento
La Londra rossa dei blu Tory
La Londra rossa dei blu Tory
Soldi da Mosca, elezioni e Brexit
Il fascino della catastrofe
Il fascino della catastrofe
L'Europa tra sogni impossibili e incubi irrealistici
Salvini abita ancora alla Rai
Salvini abita ancora alla Rai
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Brexit, fine pena mai?
Brexit, fine pena mai?
Si profila un nuovo rinvio della "data feticcio" del 31 ottobre
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.