Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il politologo Walzer: «L'esercito ha sottovalutato Hamas»

Viviana Mazza, Corriere della Sera, 27 gennaio

Redazione InPiù 28/01/2024

Il politologo Walzer: «L'esercito ha sottovalutato Hamas» Il politologo Walzer: «L'esercito ha sottovalutato Hamas» "Il verdetto provvisorio della Corte dell'Aia può essere letto in modi opposti: il Washington Post titola sulla richiesta a Israele di fare di più per evitare vittime civili; il Wall Street Journal sul rifiuto della richiesta del Sudafrica di un cessate il fuoco», nota Michael Walzer, filosofo politico di Princeton, intervistato da Viviana Mazza sul Corriere della Sera di sabato 27 gennaio, e autore di oltre 30 saggi, da Guerre giuste e ingiuste a Che cosa significa essere liberale. «Penso che per Israele sia un sollievo che la Corte non abbia richiesto il cessate il fuoco. E a me pare che dovrebbe rispettare il verdetto e in un mese descrivere cosa ha fatto per ridurre al minimo le vittime civili. La Corte ha anche richiesto l'immediato e incondizionato rilascio degli ostaggi: aspetto importante che Hamas ignorerà». C'è un precedente in cui la Corte ha ordinato un cessate il fuoco immediato: nel 2022, nella causa di genocidio intentata dall'Ucraina contro la Russia. Perché questo caso è diverso? «Ordinarono il cessate il fuoco perché la Russia era l'aggressore e l'Ucraina combatteva una guerra difensiva. Israele non è l'aggressore in questa guerra con Gaza. La Corte ha distinto i due casi nel modo giusto. Si è concentrata nel caso russo su quello che chiamiamo ius ad bellum, l'ingiustizia della guerra in sé, mentre nel caso israeliano ha guardato al modo in cui viene combattuta. Quindi riconoscono che Israele sta combattendo una guerra di auto-difesa. Quello che non hanno fatto è riconoscere una peculiarità unica della guerra Israele-Gaza. Ho passato cinque anni a leggere la storia militare e non ho mai visto una guerra come questa: Israele combatte allo stesso tempo contro una città sopra la terra e una città sottoterra. Per Hamas, la città sulla terra è sacrificabile e quello che è davvero importante è la città sottoterra».
Leggi l'articolo completo sul sito di InPiù
Altre sull'argomento
La vedova Litvinenko: «Il cordoglio non basta più. Il messaggio è: con Mosca non si può negoziare»
La vedova Litvinenko: «Il cordoglio non basta più. Il messaggio è: con ...
Luigi Ippolito, Corriere della Sera, 17 febbraio 2024
La vedova Litvinenko: «Il cordoglio non basta più. Il messaggio è: con Mosca non si può negoziare»
La vedova Litvinenko: «Il cordoglio non basta più. Il messaggio è: con ...
Luigi Ippolito, Corriere della Sera, 17 febbraio 2024
Hrytsak: «Licenziare Zaluzhny? È stato un errore di Zelensky: in Ucraina lo amano tutti»
Hrytsak: «Licenziare Zaluzhny? È stato un errore di Zelensky: in ...
Lorenzo Cremonesi, Corriere della Sera, 11 febbraio
Hrytsak: «Licenziare Zaluzhny? È stato un errore di Zelensky: in Ucraina lo amano tutti»
Hrytsak: «Licenziare Zaluzhny? È stato un errore di Zelensky: in ...
Lorenzo Cremonesi, Corriere della Sera, 11 febbraio
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.