Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Giulio Tremonti: «II fondo del 2011 a base di eurobond non c'entra nulla con quello di oggi»

La Verità, Tobia De Stefano, 15 dicembre

Redazione InPiù 17/12/2023

Giulio Tremonti: «II fondo del 2011 a base di eurobond non c'entra nulla con quello di oggi» Giulio Tremonti: «II fondo del 2011 a base di eurobond non c'entra nulla con quello di oggi» Professore, quante volte le sono fischiate le orecchie nelle ultime ore? «Non sento, perché?». Beh nella polemica di questi giorni sulla ratifica del Mes è stato più volte tirato in ballo il governo Berlusconi del 2011... Nella ricostruzione delle opposizioni fu lei da ministro dell'Economia a lanciare l'idea di un fondo europeo». Così Tobia De Stefano, sulla Verità del 15 dicembre, intervista l'ex ministro dell'Economia Giulio Tremonti. «Guardi, vorrei stare fuori dalle polemiche della politica e provare a fare un'intervista seria con una ricostruzione storica ed oggettiva dei fatti, anche per dimostrare che dall'idea iniziale che era assolutamente giusta si è passati a qualcos'altro». Proviamoci. «Partiamo allora dal 2003, presidenza italiana dell'Ue: per la prima volta viene formulata la proposta di emettere eurobond, cioè del debito comune europeo che andasse a finanziare le infrastrutture e la difesa». Che fine fece quella proposta? «Ci fu un voto contrario da parte dell'ortodossia finanziaria, che avversava l'idea del debito pubblico, pur se questo europeo, mentre gli inglesi furono contrari perché ritenevano che finanziare la difesa sarebbe stato nation-building. Ma le idee giuste camminano in salita, ma camminano...». Cosa vuol dire? «I trattati europei da Maastricht a Lisbona hanno funzionato fino al 2008 in assenza di crisi e in un periodo di progressivo sviluppo economico. Oggi può sembrare incredibile, ma il governo italiano evidenziò già nel maggio 2008 che nei trattati non c'era la parola crisi, crisi sistemica come però si stava manifestando. Ed è proprio per affrontare una crisi non prevista nei trattati che il governo italiano iniziò a lanciare l'idea di un fondo europeo, già in un lettera del maggio 2008 al presidente dell'Eurogruppo Lagarde».
 
Cosa successe? «Che la discussione andò avanti nelle lunghe e drammatiche notti dell'Eurogruppo con lo sviluppo e la costituzione del primo fondo europeo per le crisi». Che tipo di fondo era? «Il fondo non era previsto dai trattati e quindi doveva avere per forza di cose di natura privatistica. Le potrà sembrare incredibile ma fu costituito in una notte con un notaio chiamato a prendere le firme dei ministri europei e fu incorporato nella forma privatistica di una Sicav (società di investimento a capitale variabile ndr) di diritto lussemburghese». Siamo nel 2010. Si tratta di una svolta? «Una svolta per l'idea europea che esprimeva». Quale era? «In un articolo sul Financial Times con l'allora presidente dell'Eurogruppo e poi presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker evidenziammo la necessità di creare un'architettura europea che si fondasse su due pilastri: la serietà dei bilanci pubblici che quindi sarebbero stati presentati in Europa prima dell'approvazione nei singoli Paesi e la solidarietà tra gli Stati con l'utilizzo di quel fondo per gestire le situazioni di crisi ed emettere eurobond. La discussione andò avanti a lungo e per quanto mi riguarda tanto nel Parlamento europeo quanto in quello italiano. La conclusione del processo con la ratifica del Trattato ci sarebbe dovuta essere un anno dopo, il tempo sufficiente per approvare insieme fondo ed eurobond».
 
Leggi l'intervista completa sul sito di InPiù
 
Altre sull'argomento
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.