Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Boris Johnson: "Evitiamo una cattiva pace in Ucraina"

Luigi Ippolito, Corriere della Sera, 23 giugno 2022

Redazione InPiù 24/06/2022

Boris Johnson: Boris Johnson: "Evitiamo una cattiva pace in Ucraina" «Piacere, Boris!»: si presenta così Johnson, un po’ scarmigliato come sempre, all’appuntamento a Downing Street per l’intervista con Luigi Ippolito, corrispondente da Londra del Corriere della Sera (pubblicata il 23 giugno realizzata assieme al quotidiano spagnolo El Mundo, al francese Le Monde e alla tedesca Süddeutsche Zeitung). Il primo ministro prende posto sotto il grande ritratto di Margaret Thatcher, in quello che fu l’ufficio privato della Lady di Ferro, per un giro d’orizzonte alla vigilia dei vertici del G7 in Germania e della Nato a Madrid. Il focus è ovviamente la guerra in Ucraina e il messaggio di Johnson agli alleati è chiaro: non è questo il momento di fermarsi. Signor primo ministro, stanno emergendo differenze fra gli alleati occidentali riguardo il conflitto in corso. «C’è il rischio di una stanchezza sull’Ucraina, c’è il rischio che la gente non riesca a vedere che questa è una battaglia vitale per i nostri valori, per il mondo. I costi dell’energia, la spinta dell’inflazione, i prezzi del cibo stanno avendo un impatto sulla fermezza delle persone: ma questo non sta avendo un impatto sulla fermezza del Regno Unito. Teme che ci siano Paesi europei che stanno spingendo per una troppo rapida soluzione negoziale? «Crediamo che si debbano aiutare gli ucraini a ottenere una capacità di resistenza strategica, devono continuare ad andare avanti. Ma non possiamo essere più ucraini degli ucraini, è la loro crisi, loro devono decidere cosa vogliono fare. Ma è assolutamente chiaro, se vai lì e parli con gli ucraini, con Zelensky, che loro non cederanno territori in cambio della pace, non faranno un cattivo accordo. Non vogliono essere forzati a un negoziato, non acconsentiranno a un conflitto congelato nel quale Putin è in grado di continuare a minacciare ulteriore violenza e aggressione. Il territorio ucraino deve essere restaurato, almeno nei confini prima del 24 febbraio, la sovranità e la sicurezza dell’Ucraina devono essere protette. E dunque sì, c’è una stanchezza, ma è qualcosa che dobbiamo affrontare, dobbiamo continuare a perorare la causa col nostro elettorato e le nostre popolazioni. Ma trovo che l’unità dell’Occidente sia ben più evidente delle divisioni. Il futuro del mondo dipende dal mantenere una forte, robusta posizione sull’Ucraina: cosa dobbiamo fare è lavorare assieme come europei per evitare quello che credo sarebbe un disastro, ossia una cattiva pace in Ucraina, costringere gli ucraini ad accettare termini che dovrebbero essere un anatema per gli europei». Lei continua a dire che Putin deve fallire: ma qual è il punto finale di questa guerra? «Quando diciamo che Putin deve fallire non stiamo facendo riferimento a eventi a Mosca o alla politica russa: non è questo il mio obiettivo, dobbiamo essere chiari. Dobbiamo tornare almeno allo status quo precedente il 24 febbraio: questo è ciò che intendo per fallimento. Significa che le sue forze siano espulse dalle aree dell’Ucraina che hanno invaso finora. La domanda è: come? In questo momento, il conflitto può andare nell’uno o nell’altro senso. Penso che sia il caso, nei prossimi mesi, di aiutare gli ucraini a cambiare la dinamica della situazione: e questo è ciò che proporrò ai vertici del G7 e della Nato. Questo non è il momento per mantenere lo status quo, questo è il momento per provare a rovesciare le cose. Fintantoché gli ucraini sono capaci di montare una controffensiva, dovrebbero essere sostenuti, con l’equipaggiamento che ci stanno chiedendo». Il Papa ha detto che la Russia è stata provocata dalla Nato, che la Nato abbaiava alle porte della Russia: lei è d’accordo o il Papa è fallibile? (Qui Johnson fa una gran risata). «Lasciando da parte le vedute di Sua Santità, che metterò rispettosamente in un angolo, penso che sia stato sempre ragionevole per la Nato avere una politica della porta aperta. La Nato è una alleanza pacifica, serve a proteggere, non è un’alleanza aggressiva. Paesi come la Polonia o i Baltici hanno lunghe memorie di attacchi da entrambe le direzioni e penso che avessero diritto a cercare solidarietà».
 
Leggi l'intervista integrale sul sito di InPiù
Altre sull'argomento
Liz chi? Il prossimo primo ministro britannico
Liz chi? Il prossimo primo ministro britannico
Scelta da pochi e per tempi duri
Bonomi:
Bonomi: "Noi industriali increduli di fronte alla caduta di Draghi"
Claudia Voltattorni, Corriere della Sera, 29 luglio 2022
Bonomi:
Bonomi: "Noi industriali increduli di fronte alla caduta di Draghi"
Claudia Voltattorni, Corriere della Sera, 29 luglio 2022
Il bollente mercoledì di Boris e Liz
Il bollente mercoledì di Boris e Liz
Il girotondo dei Tory a Londra
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.