Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Sadiq Khan: «Londra e Milano fari per l'ambiente. Johnson, ha alzato il livello»

Luigi Ippolito, Corriere della Sera, 4 novembre

Redazione InPiù 04/11/2021

Sadiq Khan: «Londra e Milano fari per l'ambiente. Johnson, ha alzato il livello» Sadiq Khan: «Londra e Milano fari per l'ambiente. Johnson, ha alzato il livello» «Questa Cop26 a Glasgow è la più importante conferenza sul clima in questa generazione e aspettiamo di vedere nei prossimi dieci giorni quanto successo avrà. Londra e Milano sono un faro per l’ambiente. In questo senso Boris Johnson è stato bravo perché ha alzato il livello”. Lo afferma Sadiq Khan, il sindaco laburista di Londra, che è stato appena eletto presidente di C40, un network di quasi cento città con 700 milioni di persone, responsabili per un quarto dell’economia globale, intervistato da Luigi Ippolito per il Corriere della Sera del 4 novembre. Signor sindaco, la Cop26 è stata organizzata assieme da Gran Bretagna e Italia: lei, come primo cittadino di Londra, quanto ha lavorato con le città italiane al suo successo? «Vorrei ricordare che Milano è stata fra i vincitori del primo premio per l’ambiente, Earthshot, istituito dal principe William: e Beppe Sala è stato per me un grande amico e un maestro. Abbiamo svolto un gran lavoro fra Londra e Milano, così come fra i governi italiano e britannico: è importante che stretti alleati come l’Italia e noi lavorino assieme. Il G20 a Roma ha riconosciuto la responsabilità che abbiamo verso il Sud del mondo: noi abbiamo goduto dei benefici della rivoluzione industriale e siamo responsabili per le emissioni. Dobbiamo aiutare il Sud finanziariamente perché abbiamo una responsabilità morale. Non vedo l’ora che l’amicizia fra me e Beppe si sviluppi: Londra e Milano sono come due piselli in un baccello, come diciamo qui, siamo molto simili. Anche se io direi che Londra è più alla moda di Milano: ma voi potreste essere in disaccordo!». Boris Johnson si è detto cautamente ottimista sull’esito della Cop26: lei è d’accordo? «Boris ha tirato la monetina nella Fontana di Trevi: spero che non gli porti fortuna, nel senso che non venga rieletto, ma spero nella buona fortuna per le prossime due settimane della Cop. Abbiamo sette-otto giorni rimasti, deve essere un successo. Devo dar credito a Johnson che negli ultimi giorni e settimane ha alzato il livello: io sono uno che vede il bicchiere mezzo pieno invece che mezzo vuoto, sono un ottimista e sono speranzoso che si troverà un buon accordo. Ciò che non voglio è che si meni il can per l’aia, che si vada al 2030, al 2040 e avanti: dobbiamo vedere invece cosa i governi concorderanno per i prossimi anni immediati ed è su questo che misureremo il successo. Ma ho ancora speranza». Quale dovrà essere il ruolo delle città in tutto questo? «Le città saranno i centri di innovazione per risolvere il cambiamento climatico. I governi nazionali non possono farlo da soli, devono farlo con noi: i nostri cittadini lo chiedono. Stiamo vedendo le conseguenze del cambiamento climatico anche in Occidente. Per risolvere questi problemi il primo approccio è ridurre le emissioni: e Londra ha introdotto la più ampia zona a basse emissioni. Ma dobbiamo anche adattare le città: stiamo lavorando su tre fronti, case, trasporti e posti di lavoro, per una transizione che sia giusta. Ma questo richiede sussidi». 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Enrico Letta: sul Colle un consenso largo, coinvolgere anche Meloni
Enrico Letta: sul Colle un consenso largo, coinvolgere anche Meloni
Venanzio Postiglione, Corriere della Sera, 10 dicembre 2021
Enrico Letta: sul Colle un consenso largo, coinvolgere anche Meloni
Enrico Letta: sul Colle un consenso largo, coinvolgere anche Meloni
Venanzio Postiglione, Corriere della Sera, 10 dicembre 2021
Papandreou: «La sinistra ridarà rispetto al popolo»
Papandreou: «La sinistra ridarà rispetto al popolo»
Paolo Valentino, Corriere della Sera, 1 dicembre
Papandreou: «La sinistra ridarà rispetto al popolo»
Papandreou: «La sinistra ridarà rispetto al popolo»
Paolo Valentino, Corriere della Sera, 1 dicembre
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.