Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Giovannini: “Arriva la svolta verde da 43 miliardi sapremo tutelare imprese e famiglie”

Paolo Baroni, La Stampa. 22 settembre

Redazione InPiù 24/09/2021

Giovannini: “Arriva la svolta verde da 43 miliardi sapremo tutelare imprese e famiglie” Giovannini: “Arriva la svolta verde da 43 miliardi sapremo tutelare imprese e famiglie” «La transizione ecologica è necessaria, oltre che essere una grande opportunità. Ha dei costi, ma il governo, come ha già fatto nei mesi scorsi è impegnato ad evitare che l’aumento dei prezzi ricada sulle famiglie più fragili». Lo afferma il ministro per le Infrastrutture e le mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, intervistato da Paolo Baroni per La Stampa sottolineando che il suo ministero ha disposizione ben 43 dei 62 miliardi di euro stanziati grazie al Pnrr, al fondo complementare ed al bilancio dello Stato, ovvero il 70% dell’intera torta. Alcuni commissari, stando a indiscrezioni, le avrebbero scritto per segnalare che gli organismi che dovrebbero accelerare i pareri dopo due mesi non sono ancora operativi. «Recentemente non ho ricevuto alcuna lettera». Ma a che punto è l’iter per insediare la Commissione bis per la valutazione di impatto ambientale e del Comitato speciale del Consiglio lavori pubblici? «I membri del secondo, di nostra competenza, sono stati identificati e il decreto è all’esame della Presidenza del Consiglio; sul Comitato Via, di competenza del Mite, non ho aggiornamenti. Ma attenzione, a parte che il Pnrr non è solo grandi opere, questi comitati devono esprimersi sui piani di fattibilità tecnico-economica che spetta alle stazioni appaltanti preparare e che non sono ancora pronti per cui, anche fossero già insediate, al momento queste commissioni non avrebbero alcun documento su cui esprimersi». Nessun ritardo dunque? «No, anzi. Dopo aver definito il Pnrr, abbiamo firmato e concluso con mesi di anticipo rispetto agli standard l’aggiornamento dei contratti di programma con Rfi e Anas. E in particolare nel primo è stato inserito un fondo di mezzo miliardo per le progettazioni delle opere del Pnrr, alcune delle quali verranno sottoposte al vaglio della Commissione speciale. E comunque tutti i commissari hanno un punto di contatto all’interno del ministero per risolvere i problemi che eventualmente dovessero incontrare. I poteri commissariali e le norme in questione sono chiarissimi. La scorsa settimana per il cantiere del Terzo valico si sono rischiati la cassaintegrazione per 300 persone e lo stop dei lavori: il commissario Maugeri ha lavorato intensamente e in una settimana il problema è stato risolto e i lavori sono ripartiti». Per ottenere la seconda tranche di fondi europei entro fine anno vanno centrati 51 obiettivi. Di questi 7 fanno sono vostri, a che punto siete? «Alcuni degli impegni sono già stati raggiunti: due riforme - quella sulle procedure di approvazione dei progetti per il Tpl ed il trasporto rapido di massa e l’accelerazione dell’iter approvativo dei progetti ferroviari - hanno già tagliato il traguardo. Ci sono poi altri due obiettivi che sono vicini, su cui interverremo con atti di indirizzo oppure, interloquendo col Parlamento, in sede di conversione del Decreto infrastrutture, come nel caso della velocizzazione dei contratti di programma delle Fs. Ricordo anche che la proposta di legge delega per la riforma del codice dei contratti è stata approvata dal Consiglio dei ministri a giugno con 6 mesi d’anticipo». 
 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Prodi: Salvini e Meloni inadeguati a governare
Prodi: Salvini e Meloni inadeguati a governare
Niccolò Carratelli, 15 ottobre 2021
Prodi: Salvini e Meloni inadeguati a governare
Prodi: Salvini e Meloni inadeguati a governare
Niccolò Carratelli, La Stampa, 15 ottobre 2021
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.