Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Arcuri: ci sara' vaccino per tutti, abbiamo anche un piano B

Paolo Russo, La Stampa, 11 dicembre

Redazione InPiù 11/12/2020

Domenico Arcuri Domenico Arcuri Nella campagna di vaccinazione anti-Covid «non ci perderemo nessuno per strada». Ne è sicuro Domenico Arcuri, commissario per l'emergenza Covid, che a Paolo Russo, che l’ha intervistato per La Stampa dell’11 dicembre, spiega che se anche il vaccino di AstraZeneca dovesse subire un ritardo c’è già un piano B, perché «l’Europa ha concordato con Moderna la possibilità di raddoppiare da 80 a 160 milioni le dosi da destinare al nostro Continente». Gb e Usa sono già partiti: noi quando faremo la prima vaccinazione? «Le dosi arriveranno nello stesso giorno in tutti i Paesi europei, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni degli enti regolatori. Non ci sarà un Paese che partirà prima degli altri. L’Ema deciderà il 29 dicembre su quello Pfizer e il 12 gennaio su quello di Moderna. In pochi giorni l’Aifa potrà dare l’autorizzazione all’uso domestico. Già a metà gennaio si potrebbe partire». In Germania hanno già nomi, cognomi e data di chi vaccinare. Non si potrebbe fare anche da noi? «Stiamo predisponendo, anche con l’aiuto di Poste Italiane ed Eni, un sistema informativo evoluto che consentirà di prenotare, gestire e indirizzare le varie fasce di popolazione e che garantirà la tracciabilità di tutte le fasi del processo. Gli anziani non autosufficienti verranno contattati e sarà il vaccino ad andare da loro, non viceversa. Gli altri saranno chiamati tramite telefono, app, medici di famiglia». Vaccinato il primo milione e sette con il vaccino Pfizer per un po’ rischiamo di mettere in naftalina la campagna di vaccinazione se non arrivasse in tempo l’ok dell’Ema a quello di AstraZeneca. «L’Europa ha concordato con Moderna la possibilità di raddoppiare le loro dosi. Da 7 case farmaceutiche abbiamo prenotato 202 milioni di dosi di vaccino che arriveranno tra gennaio e il primo trimestre del 2021. Ovviamente confidiamo che anche il vaccino di AstraZeneca possa arrivare in tempo, ma non resteremo sguarniti».
 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.