Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Conte: non cadro' sul Mes e ricostruiro' l'Italia

Maurizio Molinari, Repubblica, 5 dicembre

Redazione InPiù 05/12/2020

Giuseppe Conte Giuseppe Conte «Siamo in guerra con il virus ma ora inizia la ricostruzione nel segno dell’Europa e sarà il mio governo a guidarla perché non cadrò sul Mes». Lo afferma il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervistato su Repubblica del 5 dicembre dal direttore Maurizio Molinari. «Guido un governo europeista, saremo protagonisti della riforma del Mes e del Recovery Fund assieme a Berlino e Parigi» esordisce il premier con l’intento di allontanare ogni nube dal suo esecutivo. Lei sta ultimando il piano del Recovery Fund: qual è la ricetta a cui si affida per la ricostruzione del Paese? «Lunedì approveremo il budget del Recovery Fund con tutti gli appostamenti. Dopo le 6 linee guida già condivise con il Parlamento, approfondiremo anche la sessantina di progetti che sono ormai in dirittura finale. Li raggrupperemo in 17 clusters». Di che progetti si tratta? «Esprimeranno una chiara visione del Paese». Chi gestirà la ricostruzione? «Lunedì approveremo anche la struttura di governance con coordinamento presso la Presidenza del Consiglio. Vi sarà poi un comitato ristretto deputato a vigilare tutta la fase attuativa. Ne faremo parte io, Gualtieri e Patuanelli, con la responsabilità di riferire periodicamente al Ciae e al Parlamento. La supervisione tecnica dell’attuazione sarà affidata a sei manager». La riforma del Mes può facilitare il futuro ricorso al Mes? «E' un fatto, non una mia considerazione personale, che il Mes non goda di grande appeal. Sta per iniziare la Conferenza sul futuro dell’Ue e proporrò in quella sede di riconsiderare in modo più radicale la sua struttura e la sua funzione». Non teme un voto negativo il 9 dicembre per la contrarietà dell’opposizione e di una parte importante del M5S? «Non lo temo perché il voto non sarà sull’attivazione del Mes ma su alcune sue modifiche che, grazie anche al contributo dell’Italia, sono servite a migliorare un meccanismo già esistente dal 2012».
 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.