Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Angelosanto: in Calabria serve la reazione di un sistema intero

Goffredo Buccini, Corriere della Sera, 4 dicembre

Redazione InPiù 04/12/2020

Pasquale Angelosanto Pasquale Angelosanto «L’incarico da commissario alla sanità in Calabria può fare paura. I condizionamenti possono essere tanti. E quello principale viene da una delle più forti e ricche mafie del mondo. Io stesso sarei molto preoccupato. Dopo di che farei il mio dovere». Lo afferma il comandante del Ros Pasquale Angelosanto, intervistato sul Corriere della Sera del 4 dicembre da Goffredo Buccini. Perché lì falliscono da dieci anni i commissari? «Non si può mettere tutto sulle spalle di una persona sola, serve la reazione di un sistema intero: il quadro cui fare fronte è molto complesso». Record di Comuni sciolti per mafia, aziende sanitarie infiltrate da Reggio Calabria a Catanzaro, elezioni saltate per protesta contro lo Stato in posti come San Luca e Platì: quanto è grande il gap di legalità della Calabria? «Da questi parametri, certo che si vede un problema di legalità. E’ dovuto alla presenza mafiosa che ha permeato tutti i gangli delle amministrazioni locali. Ma non alla gente in sé». La 'ndrangheta ha consenso. «Vero. E lavora per accrescerlo. Ma non dobbiamo pensare che la maggior parte dei calabresi stia con la 'ndrangheta. Questo non è vero». La ‘ndrangheta anziché infiltrare la politica si fa politica, è così? «Sì. Ha fatto un salto di qualità. A casa del boss Giuseppe Pelle nel 2010 registriamo i mafiosi che dicono: non dobbiamo più essere portatori di voti, dobbiamo portare i nostri candidati, alla Provincia, alla Regione e individuare chi ci dà più garanzie per portarlo sulla scena nazionale». La sanità è la cinghia di trasmissione? «Sì, la sanità consente di ottenere il consenso che poi viene restituito al momento del voto».
 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.