Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Stephen Markley: "La rabbia dei vinti d'America non sparirà"

Francesca Paci, La Stampa, 7 novembre 2020

Redazione InPiù 07/11/2020

Stephen Markley: Stephen Markley: "La rabbia dei vinti d'America non sparirà" C’è chi lo considera la «Pastorale americana» repubblicana, un’epopea dei vinti del Novecento, tutta la polvere addensata sotto il grande tappeto americano. «Ohio», tradotto da Einaudi, è un libro chiave per capire quella «Cintura di Ruggine», la pancia post-industriale dell’America, a cui, sconfitto o vincitore, Donald Trump deve la resilienza del mito pop. Per questo quando il suo giovane autore Stephen Markley spiega a Francesca Paci («La Stampa», 7 novembre 2020) che «il popolo di Trump gli sopravviverà» c’è da ascoltarlo, e credergli. Cos’ha rappresentato per Trump l’Ohio, che l’ha scelto comunque? «Sono uno scrittore e non un politico ma credo che in un territorio come l’Ohio, dove l’industria è svanita senza che ci fosse una redistribuzione delle forze produttive e dove la recriminazione è diventata la spina dorsale della società, Trump, un uomo dal formidabile istinto, abbia avuto la capacità di sfruttare l’animosità sociale come nessuno. Per quanto sembrasse un clown era l’uomo adatto e, sostenuto dalla macchina politica repubblicana così come da ingenti risorse finanziarie, ha costruito una narrativa duratura. Per uomini e donne come i protagonisti del mio libro, reduci dell’Iraq, falliti, persone spropositatamente colpite dalla crisi, la rabbia e la disperazione sono vettori irrazionali che possono portare a votarsi a un miliardario lontanissimo da loro, un’icona della più elitaria delle élite che però si fa carico della loro urgenza comunicativa come gli altri, i democratici, non riescono a fare. Che il messaggio sia o meno la soluzione non conta: quando tutto va come non vorresti la tentazione di dare un calcio al mondo è forte, e Trump ha dato quel calcio collettivo».
 
Leggi l'intervista completa sul sito di InPiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.