Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Bertazzo: da Autostrade piano per maggiori investimenti

Federico Fubini, Corriere della Sera, 21 febbraio

Redazione InPiù 21/02/2020

Carlo Bertazzo Carlo Bertazzo Giovedì scorso Giuseppe Conte è stato chiaro su Autostrade per l’Italia (Aspi): «Se arrivasse dall’azienda una proposta nell’ambito della procedura per l’eventuale revoca della concessione il governo dovrà valutarla». Anche per questo Carlo Bertazzo, Ad di Atlantia, illustra, in un’intervista a Federico Fubini del Corriere della Sera, la sua idea per un riassetto del rapporto fra la sua controllata Aspi e lo Stato dopo il crollo del ponte Morandi. Secondo molti non vi state assumendo le vostre responsabilità? «E’ inutile negare che sono stati commessi errori e Aspi sta pienamente collaborando con la Procura di Genova affinché ogni responsabilità venga individuata. Oggi abbiamo la piena consapevolezza che la rete autostradale ha bisogno di molti più investimenti e di molta più manutenzione. Per questo a gennaio Aspi ha presentato un nuovo piano industriale con un forte incremento degli investimenti, per il rinnovamento e le manutenzioni. Vogliamo ricostruire un rapporto di fiducia con le istituzioni e i cittadini: abbiamo il dovere di garantire autostrade sicure». Il governo ha avviato la procedura di revoca. Davvero volete vedere se bluffa? «Per noi è importante avere un Concedente implacabile. Senza voler negare gli errori di Aspi, lo Stato che affida un’infrastruttura a un privato deve anche regolare e vigilare rigorosamente. Qui c’è stata scarsa responsabilità da parte di tutti». Ora siamo al muro contro muro. Come se ne esce? «Noi abbiamo proposto alle istituzioni un progetto di sviluppo infrastrutturale per il Paese, che implica però alcuni presupposti». Cercate di dettare le condizioni? «Non si tratta di questo, ma di rendere fattibile ciò che proponiamo. Quei presupposti sono essenziali. L’obiettivo è riconsegnare allo Stato al termine della concessione nel 2038 una rete autostradale di qualità, moderna e potenziata».
 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.