Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Caselli: Voto sul web ferisce il Parlamento

Tommaso Labate, Corriere della Sera, 21 febbraio

Redazione InPi¨ 23/02/2019

Caselli: Voto sul web ferisce il Parlamento Caselli: Voto sul web ferisce il Parlamento Il voto sul processo a Salvini affidato al web è una ferita per il Parlamento: il populismo dei 5Stelle è una sfida alla democrazia. Sono parole pesanti quelle dell’ex procuratore, Giancarlo Caselli, intervistato da Tommaso Labate per il Corriere della Sera. Dottor Caselli, il M5S ha delegato agli iscritti alla piattaforma Rousseau la scelta di decidere sull’autorizzazione al processo contro Salvini. Se l’aspettava? «Non sono un politologo né tantomeno un esperto delle dinamiche interne ai M5S. Quello che è avvenuto, però, mi è sembrato una ferita inferta alla funzione legislativa del Parlamento. Oltre che una sfida al potere giudiziario. Non si può, su una questione così complessa, delegare una scelta del genere a qualche migliaio di persone che tra l’altro, non avendo letto le carte, non sono neanche adeguatamente informate. E non si può risolverla con un quiz a risposta secca, sì o no». Nel suo blog lei ha citato Ponzio Pilato, «che non sapeva che pesci pigliare». «Si potrebbe citare anche Don Abbondio. Il coraggio, quando non ce l’hai, nessuno te lo può dare. Una decisione come questa, dei parlamentari, non potevano delegarla ad altri attraverso la piattaforma Rousseau, di cui oltretutto non si conosce bene il funzionamento e di cui si dice abbia anche molti limiti. L’ho considerato l’ennesimo episodio di svuotamento delle funzioni del Parlamento». Gli altri quali sarebbero? «Si ricorda com’è stata approvata la legge di bilancio, arrivata al voto finale senza che nessuno avesse la possibilità di discutere il testo prima? Per non parlare di quello che potrebbe succedere sul tema delle autonomie delle Regioni. Dai referendum consultivi al governo, senza passare dal Parlamento. Che pure, sulle materie che riguardano l’unità nazionale, ha sicuramente voce in capitolo». M5S e Lega potrebbero risponderle che due forze «populiste» si rivolgono direttamente al popolo. «Citando Gianfranco Pasquino le rispondo che una “striscia di populismo”, in democrazia, è quasi fisiologica. Ma quando questa striscia aumenta a dismisura, allora finisce per sfidarla, la democrazia». 
 
Leggi l'intervista completa sul sito InPiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.