Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Moedas: «Allenare i lavoratori all'urto del digitale»

Andrea Rossi, La Stampa, 29 settembre

Redazione InPiù 29/09/2017

Carlos Moedas Carlos Moedas Il futuro è un’incognita che nessuno può decifrare. Decine di lavori scompariranno, ne nasceranno di nuovi ma non si può prevedere quali. L’unica arma a disposizione è la conoscenza: allenarci per saper cogliere i cambiamenti senza esserne travolti. E sapere che non saranno i governi da soli a gestire questi processi; dovrà nascere una sorta di cabina di regia mondiale, in cui nazioni e compagnie private lavorino insieme. Intervistato da Andrea Rossi per La Stampa, Carlos Moedas, commissario europeo a Ricerca, scienza e innovazione, è convinto che questa sia l’unica strada possibile per affrontare quella che nella relazione finale del G7 di Torino viene definita «Next production revolution». Questo G7 a quali conclusioni è approdato? «Siamo consapevoli del fatto di dover allenare i lavoratori di oggi e di domani a reggere l’urto di un futuro che non conosciamo. Viviamo una transizione dal mondo della manualità al digitale. Le professioni del futuro saranno quelle che cercheranno di connettere questi due universi. Ma non sappiamo ancora quali lavori svolgeranno le prossime generazioni. Dovranno sviluppare una forte capacità di innovarsi e rinnovarsi continuamente e andranno cambiate le politiche, il sistema dell’istruzione, il modo di apprendere». Non i governi, ma altri sembrano guidare questa rivoluzione. Hanno ancora senso vertici come il G7 o, piuttosto, andrebbero estesi ai protagonisti della trasformazione digitale: Google, Facebook, Amazon? «È un tema vero. Questi summit sono importanti perché ci offrono l’occasione per cercare soluzioni comuni. Ma i governi sono sempre meno in grado di affrontare da soli questi problemi. Sarà inevitabile coinvolgere le grandi compagine come quelle da lei citate, e altre ancora».
 
Leggi l'intervista completa sul sito Inpiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.