Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Angela: «La politica non ha mai prodotto benessere»

Paolo Conti, Corriere della Sera, 5 luglio

Redazione InPiù 07/07/2017

Piero Angela Piero Angela Dopo l’appello lanciato dal Foglio al Capo dello Stato perché nomini Piero Angela senatore a vita, Palo Conti, del Corriere della Sera, ha intervistato il noto conduttore e divulgatore scientifico. Angela, avrà letto Il Foglio. «Sì, ho letto. Ho scritto al direttore Claudio Cerasa: grazie, sono lusingatissimo, ma lasciatemi stare, desidero continuare col mio lavoro. In questo momento sono in pausa qui a Cinecittà, stiamo registrando “Speciale Superquark”. Faccio un altro mestiere. Non sono fatto per le gerarchie». In che senso? «Alla Rai ho rifiutato, negli anni, la direzione di un Telegiornale e di una Rete... Non sono fatto per certi ruoli». Ma cosa è la politica per lei? Nel 2011 è uscito da Mondadori il suo "A cosa serve la politica?". «Nel libro ho raccontato un fatto molto semplice. La politica, nei secoli e nei millenni, non ha mai concretamente migliorato le condizioni di vita della gente comune. Non ha mai prodotto ricchezza né benessere. La base è rimasta povera, ignorante, malata, analfabeta. Tutto è cambiato quando, sulla scena del mondo, sono apparse le macchine e l’energia che hanno moltiplicato pani e pesci. Quando mio padre era giovane, in Italia i contadini erano il 70% della popolazione, oggi appena il 4%, gli analfabeti erano l’80%, oggi c’è la scuola di massa. Oggi la politica può essere molto importante solo se favorisce questo processo: cioè gestire e distribuire bene la ricchezza che nasce da tecnologia ed energia. Ma se le maggioranze cambiano continuamente, si litiga e si parla solo di legge elettorale, nessun progetto vero diventa possibile».
 
Leggi l'intervista completa sul sito Inpiù
Altre sull'argomento
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
Weber: «Stop ai negoziati per la Turchia nella Ue»
Weber: «Stop ai negoziati per la Turchia nella Ue»
Luigi Offeddu, Corriere della Sera, 21 luglio
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.