Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il vento di destra terremota Parigi e Berlino

Confermata a Bruxelles la maggioranza Ursula, ma l'avanzata di Le Pen porta la Francia alle elezioni

Paolo Mazzanti 10/06/2024

Il vento di destra terremota Parigi e Berlino Il vento di destra terremota Parigi e Berlino Nonostante l’avanzata delle destre antieuropeiste, le elezioni hanno confermato, grazie al buon risultato del Ppe, la maggioranza Ursula a Bruxelles, ma hanno terremotato la Francia, dove Macron di fronte all’avanzata della Le Pen  ha sciolto il Parlamento per cui si votera’ il 30 giugno, e la Germania, dove hanno vinto i popolari di Cdu-Csu e la destra estrema di Afd e ha perso la maggioranza socialisti-verdi-liberali che sostiene il Cancelliere Scholz. Anche il premier belga, il liberale De Croos si e’ dimesso. Prima di capire chi governerà a Bruxelles bisognera’ dunque attendere le elezioni legislative francesi dove, va ricordato, si vota col doppio turno e non col proporzionale. I numeri del nuovo Europarlamento non dovrebbero consentire maggioranze aritmetiche diverse da popolari-liberali-socialisti-verdi, ma l’aritmetica va conciliata con la politica, che e’ uscita scombussolata dalle urne. Nel Consiglio europeo, che dovra’ indicare il nuovo presidente della Commissione e del Consiglio, i due maggiori leader, Macron e Scholz sono azzoppati e questo potrebbe complicare e ritardare il processo decisionale.
 
In Italia il voto europeo ha confermato la maggioranza di governo. Meloni, detta Giorgia, ha colto un successo personale perché è riuscita a prendere più voti delle politiche, e non era scontato. Elly Schlein ha vinto la partita con Giuseppe Conte portando il Pd sopra il 23%. Forza Italia ha superato la Lega nonostante Vannacci, e vedremo se questo avrà conseguenze sulla leadership di Salvini e sul governo. La candidatura di Ilaria Salis ha trainato Avs, mentre i “gemelli diversi” Renzi (con Bonino) e Calenda si sono cannibalizzati e non sono riusciti a superare la soglia del 4% buttando al macero piu’ del 7% di voti liberali. Infine, l’astensione ha superato il 50%.
Altre sull'argomento
Il bivio di Giorgia in Europa
Il bivio di Giorgia in Europa
Sostenere la Von der Leyen o unificare le destre (soprattutto la Le Pen)
Se la Francia inceppa l'Europa
Se la Francia inceppa l'Europa
Francia in subbuglio in vista delle elezioni del 30 giugno volute da Macron
Altro parere
Altro parere
I liberali aprono a destra e guardano ai soldi
Contundente
Contundente
Retorica
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.