Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Censure e minacce, povera Rai

Il caso di Antonio Scurati eliminato dalla commemorazione della Liberazione

Giancarlo Santalmassi 22/04/2024

Censure e minacce, povera Rai Censure e minacce, povera Rai Cari lettori di InPiù. Stanno accadendo fatti che è bene segnalare perché meritano tutta la nostra costante attenzione.Terreno da tenere sotto controllo è la Rai. Dove stanno accadendo cose inaudite tenendo presente che è un servizio pubblico, pagato con le nostre tasche: in questo week end una  censura gravissima. E una minaccia in un solo colpo. La prima: per non infastidire la destra che ci governa e non riesce ancora a dichiararsi antifascista accade quanto segue. Serena Bortone è titolare di un programma (si intitola ‘Che sarà’ e va in onda tutti i weekend su Rai3) e il racconto del 25 Aprile (data fondante della nostra democrazia) avrebbe dovuto farlo Antonio Scurati autore di una celebre biografia di Benito Mussolini, con un monologo sulla festa della liberazione. C’era un’occasione migliore per ricordare la data della Liberazione dal nazifascismo e della nascita della Repubblica? Ebbene a meno di 24 ore dalla messa in onda, la Bortone scopre per puro caso che il contratto è stato annullato. E una spiegazione plausibile che è una, non riesce ad averne.
 
La minaccia invece riguarda il diritto riconosciuto alle donne di abortire. Perché nei consultori si stabilisce che devono essere presenti anche dei ‘pro-life, degli antiabortisti.  Che oggi ci sono, erano già previsti dalla legge, ma ribadirlo adesso dà tutto un altro valore al gesto. Per carità, intendiamoci: se c’è un modo per la presidente del consiglio Giorgia Meloni di alienarsi il voto delle donne, ebbene è proprio questo. Si dimentica che le donne hanno vinto due referendum, quello contro l’abrogazione del divorzio e quello sull’aborto. Quello sul divorzio lo vinsero nonostante lo sbarramento di fuoco della Dc, con Amintore Fanfani che girava tutte le piazze, salendo su palchetti che dovevano mostrarlo più alto (era molto basso) agitando la mano destra a pugno con sollevati solo indice e mignolo: “Sarete tutti cornuti”.
Censura e minacce: è la destra bellezza.
 
Altre sull'argomento
Il difficile gioco di Meloni in Europa
Il difficile gioco di Meloni in Europa
Per Giorgia sarÓ quasi impossibile votare Von der Leyen alla luce del sole
Le radici nostalgiche dei fratellini
Le radici nostalgiche dei fratellini
Lo scandalo sugli atteggiamenti fascisti del movimento giovanile di Fdi
Primo sý al premierato (col buco)
Primo sý al premierato (col buco)
E oggi la Camera dovrebbe votare l'autonomia differenziata
Altro parere
Altro parere
Quei democratici a targhe alterne
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.