Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Calenda adesso parla con Conte

Primo effetto della vittoria della Todde in Sardegna

Paolo Mazzanti 28/02/2024

Calenda adesso parla con Conte  Calenda adesso parla con Conte “Mai piu’ solo alle regionali. Impossibile non parlare con Conte” ha detto in un’intervista Carlo Calenda. “Meglio tardi che mai” gli ha risposto la neo presidente della Sardegna Todde. L’inversione a “u” di Calenda è il primo effetto delle elezioni sarde dove Azione, che sosteneva Soru, non conquista neppure uno dei 60 consiglieri regionali in palio pur avendo preso piu’ dell’8%. La legge elettorale sarda ha un super sbarramento al 10% e riserva alle liste che appoggiano il presidente il 60% dei seggi. Quindi, se Calenda avesse appoggiato Todde, oggi il suo 8% varrebbe quasi 5 consiglieri. Ma questa è bassa contabilità.
 
Il dato politico che emerge dalla Sardegna è che gli italiani sono ormai tenacemente bipolaristi e non apprezzano le terze forze e i terzi poli. E non vale solo per le regionali o le comunali, ma anche per le politiche semimaggioritarie. Calenda, e con lui Renzi, debbono dunque riflettere se continuare a cercare di forzare il nostro bipolarismo di fatto, col rischio di buttare al macero migliaia di voti, come accaduto in Sardegna, o piuttosto entrare nel famoso “campo largo”, parlare anche con Conte, e cercare di far valere dall’interno della coalizione le proprie idee. Come stanno facendo del resto in Abruzzo dove il 10 marzo tutti insieme sostengono Luciano D’Amico, rettore dell’Università di Teramo che sfida il presidente uscente, il meloniano Marco Marsilio. Dovesse spuntarla, il campo largo farebbe un altro passetto avanti e potrebbe riprovarci alle successive regionali in Piemonte, Basilicata e Umbria.
 
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Il giorno dello sciacallo
La grande confusione lucana
La grande confusione lucana
In Basilicata si è dissolto il campo largo
Lezioni dai campi lucani
Lezioni dai campi lucani
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
I focolai di tensione Usa-Cina
I focolai di tensione Usa-Cina
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.