Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Salvini e la sconfitta sul terzo mandato

Si prepara a chiedere altre “compensazioni”

Paolo Mazzanti 23/02/2024

Salvini e la sconfitta sul terzo mandato Salvini e la sconfitta sul terzo mandato Perché Salvini ha testardamente insistito sul terzo mandato per i presidenti di regione pur sapendo che avrebbe subito una dura sconfitta nel voto in Commissione? E poi ha pure dovuto ammettere che la spaccatura della maggioranza non avrà conseguenze sul governo. Il che è una doppia ammissione d’impotenza. C’è chi dice che l’abbia fatto per dimostrare a Zaia che si è battuto fino all’ultimo per garantirgli un nuovo mandato in Veneto. Forse da domani alzerà il prezzo sul premierato e sull’autonomia differenziata.
 
C’è chi sostiene che utilizzerà questa sconfitta per chiedere altri posti: forse per contendere a Forza Italia la presidenza della Basilicata dopo aver perso quella della Sardegna, oppure il sindaco di qualche grande Comune, oppure un po’ delle 500 nomine che il governo dovrà decidere nei prossimi mesi, a partire da quelle nel Gruppo Ferrovie dello Stato che gli sta particolarmente a cuore. In ogni caso, il povero Capitano deve combattere tutti i giorni per la sua sopravvivenza e la sua visibilità politica.
 
Altre sull'argomento
Def, il governo si rimanda a settembre
Def, il governo si rimanda a settembre
I conti pubblici nel limbo in attesa delle raccomandazioni europee
L'Europa deve pesare di più nella Nato
L'Europa deve pesare di più nella Nato
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Eleggere direttamente “anche” il Capo dello Stato?
Eleggere direttamente “anche” il Capo dello Stato?
Il favore di Meloni alla doppia elezione diretta solleva dubbi e perplessità
Estraneità elettive a sinistra
Estraneità elettive a sinistra
Sintesi degli editoriali dei principali giornali
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.