Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Se per la destra Bankitalia è serva delle banche

La polemica del sottosegretario Fazzolari per le critiche alla manovra

Paolo Mazzanti 06/12/2022

Se per la destra Bankitalia è serva delle banche  Se per la destra Bankitalia è serva delle banche Non si può proprio lasciar correre la polemica contro Bankitalia innescata dal sottosegretario al Programma e strettissimo collaboratore della premier, Giovanbattista Fazzolari, per critiche alla manovra. “Bankitalia - ha detto Fazzolari suscitando un piccolo putiferio in Parlamento - è partecipata da banche private. E’ un’istituzione che ha una visione, legittimamente, e questa visione fa sì che reputi che sia più opportuno che non ci sia più di fatto utilizzo di denaro contante”. Qui non è in discussione se sia opportuno o meno utilizzare il contante o se l’utilizzo del contante favorisca o no l’evasione fiscale e la criminalità. E’ il fatto che Fazzolari insinua che Bankitalia sostenga le sue tesi per difendere gli interessi delle banche, da cui “è partecipata”. Ma Bankitalia (indipendentemente dal suo azionariato dovuto a ragioni storiche), non rappresenta gli interessi delle banche (che sono rappresentati dall’Abi) ma le “vigila”, cioè le controlla e spesso le bacchetta. Bankitalia risponde alla Costituzione e alle norme nazionali ed europee, in quanto parte della Bce. Il suo obbiettivo è la stabilità dei prezzi, la stabilità ed efficienza del sistema finanziario e la tutela del risparmio (art. 47 della Costituzione).
 
Far passare Bankitalia, che ovviamente può sbagliare, come “serva delle banche” è una colossale fesseria, prima che un attentato alla sua indipendenza e autonomia, tanto è vero che Palazzo Chigi, pare su sollecitazione di Mattarella, è stato costretto a precisare che Fazzolari “non ha mai messo in discussione l’autonomia di Bankitalia”. Ma allora delle due l’una, e non sappiamo quale sia la peggiore. O Fazzolari non sa che cosa sia Bankitalia, e allora deve lasciare di corsa il governo e tornare a scuola. Oppure lo sa e ha voluto lanciare un “avvertimento” a chi si ostina a non pensarla come lui e la Meloni, e allora si conferma che questa destra non sopporta le critiche ed è pronta a delegittimare e minacciare chi le formula. Temiamo che la burrasca su Bankitalia sia solo l’antipasto: tra qualche giorno sulla manovra arriverà il giudizio della Commissione europea.
Altre sull'argomento
L'inflazione rallenta ma la Bce resta severa
L'inflazione rallenta ma la Bce resta severa
La Fed invece dovrebbe attenuare l'aumento dei tassi
La Chiesa che perde l'Europa
La Chiesa che perde l'Europa
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Fed, Bce e Boe decidono sui tassi di interesse
Contundente
Contundente
Balcani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.