Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Ischia, disastro annunciato

Gli effetti dei cambiamenti climatici e il disordine del territorio

Giuseppe Roma 28/11/2022

Ischia, disastro annunciato Ischia, disastro annunciato Morti, dolore, distruzioni e proprio di quelle case la cui costruzione, ampliamento o modifica costituisce, per molte famiglie italiane, un valore quasi primordiale, un diritto non limitabile da regole, persino quelle che ne garantiscono la sicurezza. E così, purtroppo dobbiamo constatare che tragici eventi calamitosi, dopo l’umana solidarietà per le vittime e per i lutti, non producono una generalizzata reazione, prima di tutto sociale, tendente  a modificare i comportamenti appropriativi del territorio. Naturalmente c’entrano politica e istituzioni  chiamate proprio a regolare il delicato rapporto fra gli interessi del singolo e il benessere collettivo. In questo caso persino a salvaguardare la stessa incolumità dei cittadini. Nel disastro di Ischia, infatti, si combinano in modo micidiale due elementi critici: l’aggravarsi dei fattori climatici che incidono fortemente sulla fragilità geo-fisica del territorio e il disordine urbanistico che non ne tiene conto. Ultimo di molti tentativi, il governo Renzi aveva istituito presso la Presidenza del Consiglio un centro di coordinamento e impulso per far fronte ai disastri dovuti al dissesto territoriale, denominato “Italia sicura”. Giustamente, come la Protezione civile è coordinata dal centro, anche la prevenzione dei disastri ambientali dovrebbe poter contare su un riferimento unico per il paese. Il progetto è durato poco, e si è tornati alla frammentazione dei tanti soggetti che rivendicano competenze in questo campo, comprese naturalmente le regioni.
 
Sarebbe un bel segnale se, esaurita l’onda emotiva e l’impegno d’emergenza si ripensasse organicamente un modello per la prevenzione dei disastri ambientali. Purtroppo lo stesso Pnrr in questo ambito è stato centrato più su una transizione ecologica a medio termine, che alla risoluzione di annosi problemi che minacciano il nostro territorio. Il secondo elemento su cui agire è l’urbanistica. Come abbiamo visto a Ischia, se ognuno costruisce dove vuole, si consolida un insediamento spontaneo che non può garantire né la sicurezza ma neppure la vivibilità per tutti. Pur essendo stati fra i primi al mondo, nel 1942, ad affermare i principi della pianificazione urbanistica, ci troviamo ora una disciplina depotenziata, burocratizzata, che purtroppo contribuisce poco a sensibilizzare i cittadini a rispettare paesaggio e territorio.
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
Il potere al femminile
Informazione e prevenzione contro il dissesto
Informazione e prevenzione contro il dissesto
A due settimane dalla tragedia di Ischia
Il Sud ha bisogno di un intervento straordinario
Il Sud ha bisogno di un intervento straordinario
Che superi le insufficienti competenze territoriali
Contundente
Contundente
Sindaci
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.