Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Sorpresa, calano i deputati ma non il bilancio della Camera

Spariti i risparmi di spesa mentre bisognerebbe farne di piu' trasferendo i senatori a Montecitorio

Paolo Mazzanti 25/11/2022

Sorpresa, calano i deputati ma non il bilancio della Camera Sorpresa, calano i deputati ma non il bilancio della Camera Sorpresa: i deputati sono calati da 630 a 400, ma il bilancio della Camera resta invariato a 943 milioni anche per i prossimi anni, come testimonia un’inchiesta del Corriere della Sera. E’ vero che le indennità parlamentari si riducono da 145 a 93 milioni, ma aumentano altre voci come il finanziamento ai gruppi, che passa da 49 a 77 mila euro a deputato e serve ai partiti per finanziare le proprie spese come consulenze e comunicazione. Il bilancio triennale della Camera e’ firmato dall’ex presidente grillino Roberto Fico che si e’ evidentemente rimangiato tutte le promesse di riduzione dei costi della politica che avevano accompagnato la campagna per la riduzione dei parlamentari. Temiamo che il Senato seguira’ la stessa strada, con scorno di noi contribuenti.
 
Bisognerebbe invece andare avanti con innovazioni piu’ incisive. Per esempio, trasferire il Senato a Montecitorio da Palazzo Madama, che potrebbe diventare un museo o la sede della Presidenza della Repubblica, trasformando il Quirinale in museo. La Sala della Regina di Montecitorio  potrebbe agevolmente  accogliere i 200 senatori, il che consentirebbe di ridurre molto i costi di funzionamento del Parlamento, con unificazione di personale e servizi. Cio’ consentirebbe poi di aumentare le sedute comuni del Parlamento, oggi riservate all’elezione del Capo dello Stato, dei giudici costituzionali e dei membri laici del Csm. I 600 deputati e senatori starebbero comodi nell’aula di Montecitorio e potrebbero in seduta comune votare la fiducia al governo, la legge di bilancio, i trattati internazionali e altre leggi importanti, evitando le lungaggini della “navetta” tra le due Camere. Cio’ aprirebbe inoltre la strada alla specializzazione delle funzioni delle due Camere (per esempio ai deputati le politiche economiche e sociali e ai senatori la politica estera, come in Usa), con ulteriore snellimento del processo legislativo e riduzione di costi. Certo, ci vorrebbe una riforma costituzionale, che ci parrebbe più utile del fumoso presidenzialismo.
 
Altre sull'argomento
CSM, la trattativa infinita
CSM, la trattativa infinita
Oltre 280 candidati per le votazioni dei membri laici che iniziano oggi
La politica ci costa sempre di più
La politica ci costa sempre di più
Mentre la spesa pubblica raggiunge il record di 1184 miliardi
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Martedì 20 attesa alla Camera la legge di Bilancio
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.