Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Addio Bobo Maroni, eterno secondo della Lega

E' stato junior partner di Bossi, ministro dell'Interno e del Welfare e presidente della Lombardia

Paolo Mazzanti 22/11/2022

Roberto Maroni Roberto Maroni Anche alla fine è stato mandato avanti dal suo capo Umberto Bossi che qualche giorno fa era stato ricoverato in terapia intensiva per un malore. Bossi è uscito dalla terapia intensiva, ma è morto lui, stroncato all'alba dal tumore al cervello contro cui combatteva da un paio d'anni. Così se n'è andato a 67 anni Roberto Maroni, detto Bobo, già ministro dell'Interno e del Welfare e presidente della Lombardia. E' stato l'eterno secondo della Lega, junior partner del fondatore e leader supremo, che lo mandava avanti salvo sconfessarlo se cambiava idea o se le cose si mettevano male.
 
E' successo nel 1993, quando Bossi mandò Maroni a stipulare un accordo elettorale con Mario Segni, fresco vincitore del referendum maggioritario, salvo stracciarlo subito dopo e scegliere l'alleanza con Berlusconi. E' successo col famoso decreto Biondi su Tangentopoli firmato anche da Maroni come ministro dell'Interno e sconfessato da Bossi, che impose a Maroni una pubblica autocritica. E' accaduto quando Bossi sfiduciò il primo governo Berlusconi contro il parere di Maroni, che per un po' lasciò la Lega, salvo poi rientrare, riallinearsi e diventare persino il secondo presidente del Parlamento padano secessionista.
 
Non gli è andata meglio con Salvini: è stato Maroni con la sua corrente "Barbari sognanti" a contrastare il Cerchio magico di Bossi sommerso dagli scandali, e succedere a Bossi come segretario federale nel 2012. Ma è stato Salvini ad essere eletto segretario nelle primarie del 2013. Da presidente della Lombardia proseguì il ventennio formigoniano. L'unica novità è stato nel 2017 il referendum sull'autonomia differenziata su cui si sta esercitando Calderoli. Poi nel 2018 non si ricandidò e lasciò il passo ad Attilio Fontana. Avrebbe voluto candidarsi a sindaco della sua Varese, ma la malattia non glielo ha consentito.
TAG: legamaroni
Altre sull'argomento
La difficile identità a sinistra
La difficile identità a sinistra
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Che guaio il nemico a sinistra
Che guaio il nemico a sinistra
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Contundente
Contundente
Contante
I rischi di un leghista all'Economia
I rischi di un leghista all'Economia
Come potrebbe non tener conto delle promesse elettorali che farebbero ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.