Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Prima gli italiani, ma non Di Maio

Il governo preso in contropiede dalla possibile nomina europea dell'ex ministro degli Esteri

L'Irriverente 21/11/2022

Prima gli italiani, ma non Di Maio Prima gli italiani, ma non Di Maio Prima gli italiani, ma non se sono avversari politici e soprattutto se si chiamano Di Maio: andrebbe corretto così il concetto di salvaguardia dell’interesse nazionale sbandierato dal governo di destra. Meloni e compagnia sono stati presi in contropiede dall’iniziativa dell’Alto rappresentante per la politica estera Ue, lo spagnolo Josep Borrell, che ha inserito il nostro ex ministro degli Esteri Luigi Di Maio nella rosa dei candidati per il ruolo di inviato europeo per trattare le forniture energetiche coi Paesi del Golfo Persico, un incarico biennale da 10-12 mila euro al mese (con tassazione agevolata) e due collaboratori scelti dall’inviato, che si aggiungono allo staff Ue. Apriti cielo. Appena la notizia è trapelata, a destra hanno fatto fuoco e fiamme: Gasparri ha intimato a Borrell di non scegliere Di Maio, i leghisti Formentini e Billi hanno presentato un’interrogazione indignata al ministro degli Esteri Tajani, il quale ha detto che la candidatura di Di Maio non è stata in alcun modo agevolata dal governo attuale, insinuando che forse è stata propiziata da Draghi.
 
Di Maio ha dalla sua un ottimo rapporto con Borrell e una certa esperienza energetica essendosi impegnato nell’ultimo anno per diversificare le nostre forniture con Paesi come Algeria, Angola e Azerbaijan. La scelta dunque compete a Borrell, senza intervento del nostro governo, ma dovrà essere ratificata in dicembre dai ministri degli Esteri Ue. E qui cascherà l’asino: che farà Tajani? Voterà per Di Maio, esponendosi agli strali della sua maggioranza per aver aiutato un avversario politico? Oppure voterà contro, facendo probabilmente cadere la candidatura, perche’ gli altri ministri avranno buon gioco nel rifiutarlo, visto che neppure il suo Paese lo sostiene? Ma così la destra inaugurerebbe il “sovranismo selettivo” buono solo per gli amici. Con tanti saluti all’interesse nazionale.
Altre sull'argomento
Contundente
Contundente
Navigator
 Berlusconi “missile impazzito”
Berlusconi “missile impazzito”
Con le sue dichiarazioni ha inguaiato la Meloni
Altro parere
Altro parere
La doppiezza del Cavaliere su Putin che pesa su Tajani
FI spaccata tra intransigenti e governisti
FI spaccata tra intransigenti e governisti
Dopo la rottura con Berlusconi, la Meloni rischia sulla fiducia
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.