Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Salvini preme su Mattarella: Bossi senatore a vita

Cominciano gli sgarbi e le pressioni indebite del centrodestra sul Capo dello Stato

Paolo Mazzanti 28/09/2022

Salvini preme su Mattarella: Bossi senatore a vita  Salvini preme su Mattarella: Bossi senatore a vita Puntuali come l’influenza d’inverno sono cominciati gli sgarbi e le pressioni su Mattarella del centrodestra vincitore delle elezioni. Salvini ha chiesto al Capo dello Stato di nominare senatore a vita Umberto Bossi, che per il crollo della Lega non è stato eletto nella sua Varese. E’ una pressione tre volte indebita. In primo luogo perché le nomine dei senatori a vita sono una competenza esclusiva del Capo dello Stato come recita l’art. 59 della Costituzione: ”Il Presidente della Repubblica può nominare senatori a vita cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario”. Quindi ogni invito pubblico è una grave pressione perché se Mattarella vi aderisse sembrerebbe prendere ordini da un capo partito e se non vi aderisse farebbe comunque uno sgarbo a un leader parlamentare.
 
Il secondo motivo è che la Costituzione prevede 5 senatori a vita di nomina presidenziale (cui si aggiungono gli ex Capi dello Stato) e oggi i “posti” sono tutti occupati (Segre, Cattaneo, Rubbia, Piano e Monti). Salvini non può non saperlo, e dunque che senso ha la sua proposta? Invita forse Mattarella a infrangere la Costituzione e nominare un sesto senatore a vita? Il terzo motivo è che i senatori a vita non dovrebbero essere politici, ma scienziati, esponenti sociali, artisti o letterati. E’ vero che in passato politici come Andreotti sono stati nominati senatori a vita, ma quella fu una gravissima lesione partitocratica dello spirito, se non della lettera, della Costituzione. Il Senato non può diventare l’assicurazione sulla vita parlamentare o l’uscita di sicurezza per vecchi politici trombati a causa delle sconfitte e dell’insipienza dei loro leader. Purtroppo, temiamo che questa pressione sul Quirinale non sarà l’ultima: che accadrà sulla scelta dei ministri o sulla promulgazione delle leggi? Mala tempora currunt.
 
Altre sull'argomento
Se per la destra Bankitalia è serva delle banche
Se per la destra Bankitalia è serva delle banche
La polemica del sottosegretario Fazzolari per le critiche alla manovra
Contundente
Contundente
Transizione
Contundente
Contundente
Poltronissima
La difficile identità a sinistra
La difficile identità a sinistra
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.