Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La zampata del Grillo

Il fondatore-garante ha imposto il rispetto della regola dei due mandati

L'Irriverente 01/08/2022

La zampata del Grillo La zampata del Grillo Con una zampata delle sue, facendo trapelare la notizia di una sua  clamorosa uscita dal Movimento, Beppe Grillo ha imposto a Conte il rispetto della regola dei due mandati, tagliando metaforicamente la testa a 49 “suoi” parlamentari eccellenti che non potranno ricandidarsi, tra cui il presidente della Camera Fico, la vicepresidente del Senato Taverna, l’ex reggente Crimi e gli ex ministri Fraccaro e D’Incà, che infatti ha lasciato il M5S, ma probabilmente troppo tardi per trovare asilo altrove, come invece ha fatto Di Maio, cui il Pd dovrebbe assegnare il collegio blindato di Modena (ma Di Maio ha smentito). I 49 hanno masticato amaro, alcuni hanno detto di accettare serenamente l’esclusione, anche se avevano ancora “molto da dare” alle istituzioni (anche se non si capisce che cosa).
 
Tuttavia ciascuno di loro, quando nel 2013 si era candidato col M5S, sapeva benissimo che uno dei dogmi grillini era la regola dei due mandati, per evitare il professionismo politico. In fondo con questa mossa Grillo ha imposto ai suoi seguaci (meno gli “zombi” come Di Maio che si sono fatti contagiare dai vecchi politici) di tornare al principio della lotta alla Casta, a cominciare da quella nascente grillina. Non sappiamo che cosa resterà del grillismo: ma in fondo, con la riduzione dei parlamentari da 945 a 600 e il rispetto dei due mandati, bisogna riconoscere che Grillo due colpi alla Casta li ha davvero assestati, anche se le prime vittime sono stati i suoi seguaci.
 
Altre sull'argomento
Il Pd al bivio esistenziale
Il Pd al bivio esistenziale
Stretto tra i macroniani di Calenda e i populisti-progressisti di Conte
Altro parere
Altro parere
I cattivi maestri
Conte non ha capito che è all'opposizione
Conte non ha capito che è all'opposizione
I grillini parlano come se fossero ancora al governo
Gli elettori “schizzinosi” del centrosinistra
Gli elettori “schizzinosi” del centrosinistra
Se Pd, M5S e Azione-Iv si fossero alleati avrebbero raggiunto il 48% e ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.