Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Ma al Quirinale non ci si candida

Fuorvianti l'attivismo berlusconiano e le richieste a Draghi di “battere un colpo”

Paolo Mazzanti 26/11/2021

Ma al Quirinale non ci si candida Ma al Quirinale non ci si candida Non dobbiamo lasciarci fuorviare dall’attivismo berlusconiano che da eccelso venditore sta cercando di “piazzare” sé stesso come Capo dello Stato presso i grandi elettori, ne’ dal coro di politici e commentatori che chiedono a Draghi di “battere un colpo” e dirci se la sua strada porta al Colle. Non funziona così. Al Quirinale non ci si candida, si viene candidati da chi detiene il potere di eleggere il Capo dello Stato, cioè i leader politici dei 1009 grandi elettori, sperando che poi i peones ne seguano le indicazioni. Quindi è inutile tirare Draghi per la giacchetta: non dirà nulla, salvo vaghe allusioni, perché non può e non deve dire nulla. Pensate se annunciasse: sono disponibile a fare il Presidente della Repubblica e nessuno se lo filasse; il giorno dopo dovrebbe dimettersi da Palazzo Chigi.
 
Quindi, come accaduto con De Mita per Cossiga, D’Alema e Veltroni per Ciampi, Renzi per Mattarella, occorre che qualche leader, meglio se più di uno, chiedano un appuntamento a Draghi e gli offrano ufficialmente la candidatura al Colle. A quel punto lui dirà l’unica cosa che può dire: sì o no. Conte, leader del maggior gruppo di grandi elettori, rispondendo a una domanda, non ha escluso Draghi ma poi ha anche detto che il governo deve andare avanti; Letta, leader del primo partito nei sondaggi, ha detto che di Quirinale non vuol parlare fino a gennaio, dopo l’ultimo discorso di fine anno di Mattarella, e sinora ha mantenuto l’impegno; Salvini, leader del secondo partito della maggioranza, sballottato tra Berlusconi e Meloni ha detto tutto e il contrario di tutto. Ai primi di gennaio (ormai non manca molto) capiremo se qualcuno busserà al portone di Palazzo Chigi (o del buen retiro draghiano di Città della Pieve) per offrire al premier il Colle più alto. Tutto il resto è gossip.
 
Altre sull'argomento
Pazza idea: Draghi al Colle, Mattarella a Chigi
Pazza idea: Draghi al Colle, Mattarella a Chigi
Una soluzione “estrema“ che potrebbe mettere tutti d'accordo
Il rischio del derby Quirinale
Il rischio del derby Quirinale
Domani ci potrebbe essere la gara tra due candidati contrapposti
Altro parere
Altro parere
La fotografia senza sconti del Pnnr
L'intesa che serve
L'intesa che serve
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.