Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Gentiloni, un conte al Colle

Mentre Draghi “cerca la strada” e Berlusconi fa campagna elettorale attiva

L'Irriverente 24/11/2021

Gentiloni, un conte al Colle Gentiloni, un conte al Colle Mentre Draghi “cerca la sua strada“ interrogando uno spritz e Berlusconi fa campagna per se stesso, ammorba i parlamentari con la raccolta dei suoi ultimi scritti (il volumetto s’intitola “Io sono Forza Italia” con buona pace di Tajani e tutti gli altri), contatta i grandi elettori e con graziosa piroetta liscia il pelo ai vituperati  grillini con un elogio del reddito di cittadinanza che fino a ieri voleva abolire come orribile “mancetta di Stato”, nel Palazzo sembra avanzare la candidatura di Paolo Gentiloni al Quirinale. L’ha lanciata per primo Carlo Calenda, sembra non dispiaccia a Renzi (Che secondo le male lingue vorrebbe solo bruciarlo) e ci stanno pensando un po’ tutti, specialmente a sinistra. In effetti “er moviola”, come viene definito l’attuale commissario europeo (già premier e ministro degli esteri), per l’indole pacata e riflessiva, ha il curriculum, il carattere e l’età (67 anni) adatti per succedere a Mattarella. E ha pure due vantaggi non trascurabili: con lui al Colle Draghi resterebbe al governo fino a fine legislatura tranquillizzando i peones che temono le elezioni anticipate e libererebbe una poltronissima europea che fa gola a molti: il Pd potrebbe offrirla a Conte per consolidare l’alleanza coi grillini, oppure a Tajani per dividere Fi da Salvini e Meloni e disarticolare il centrodestra.
 
È vero che Gentiloni sarebbe il terzo inquilino del Colle di fila di centrosinistra, dopo Napolitano e Mattarella, ma (anche se da studente è stato un extraparlamentare del Movimento studentesco) lui da parecchio tempo è un sincero moderato, è stato della Margherita con Rutelli e in Europa ha acquisito un ruolo super partes. È sposato con l’architetto Emanuela Mauro, ma non ha figli e questo non è un male per il primo magistrato d’Italia. È pure conte marchigiano, dunque papalino. E farebbe contente anche le grandi famiglie romane che vedrebbero tornare al Quirinale un aristocratico devoto.
Altre sull'argomento
Pazza idea: Draghi al Colle, Mattarella a Chigi
Pazza idea: Draghi al Colle, Mattarella a Chigi
Una soluzione “estrema“ che potrebbe mettere tutti d'accordo
Il rischio del derby Quirinale
Il rischio del derby Quirinale
Domani ci potrebbe essere la gara tra due candidati contrapposti
Altro parere
Altro parere
La fotografia senza sconti del Pnnr
L'intesa che serve
L'intesa che serve
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.