Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Giustizia, quel che ci chiede la Ue

L'Europa vuole processi più veloci non la loro interruzione con prescrizioni e improcedibilità

Innocenzo Cipolletta 22/07/2021

Giustizia, quel che ci chiede la Ue Giustizia, quel che ci chiede la Ue In materia di giustizia, l’Unione Europea non ci chiede di interrompere i processi quando si prolungano troppo. Al contrario, ci chiede di fare riforme “volte a migliorare la qualità e l’efficienza” del nostro sistema giudiziario. Il che significa dare giustizia, non negarla attraverso prescrizioni o improcedibilità che sono la negazione della giustizia. Tanto più che la stessa Commissione rimprovera l’Italia per l’eccesso di prescrizioni. Rendere più efficiente la giustizia implica semplificare le procedure, ricorrere al processo digitale, investire in risorse umane per avere più personale disponibile.
 
La riforma Cartabia prevede alcune semplificazioni, l’uso del digitale e l’investimento in personale qualificato e quindi potrebbe rendere più efficace la giustizia in Italia, ciò che dovrebbe ridurre i tempi dei processi. Ma allora perché immaginare la tagliola dell’improcedibilità? Questo significa che non si ha fiducia nelle misure adottate per snellire i processi. Allora si faccia di più e si aspetti qualche anno per vedere se funzionano, senza immaginare la tagliola dei tempi che, come si sa, induce gli avvocati a giocare sull’interruzione del processo più che sulla sua conclusione.
 
Altre sull'argomento
Stato dell'Unione con poca strategia
Stato dell'Unione con poca strategia
Il discorso della Von der Leyen con alcune significative omissioni
Altro parere
Altro parere
La politica Ue sull'energia crea povertà
Moderati (a volte) si diventa
Moderati (a volte) si diventa
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
La Ue e la questione polacca
La Ue e la questione polacca
C'è chi vorrebbe l'uscita di Varsavia, ma sarebbe un'insensatezza ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.