Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Csm, solo il sorteggio scardina le correnti

L'ha detto un testimone diretto e affidabile: l'ex giudice Palamara

Paolo Mazzanti 07/07/2021

Csm, solo il sorteggio scardina le correnti Csm, solo il sorteggio scardina le correnti “Non entro nel merito delle riforme, ma già da quando ero presidente dell'Anm la riforma che temevamo di più era quella del sorteggio, perché avrebbe scardinato il sistema delle correnti". Non poteva essere più chiaro l’ex giudice Palamara, audito dalla commissione antimafia. Se davvero si vuole cancellare il sistema correntizio che, scimmiottando i partiti, ha trasformato il Csm in un mercato delle vacche (cioè delle nomine agli incarichi direttivi) bisogna sorteggiare i membri togati. Chi non vuole il sorteggio, dopo le parole di Palamara, difende le correnti. E non vale dire che la Costituzione non consente il sorteggio, sia perché la Costituzione si può modificare, sia perché si possono sorteggiare non gli eletti, ma i candidati da sottoporre al voto dei colleghi.
 
E i membri laici, oggi lottizzati tra i partiti e spesso ex parlamentari come la presidente del Senato Casellati (Fi), al Csm nella scorsa consiliatura, o l’attuale vicepresidente Ermini (Pd)? Anche i laici potrebbero essere sorteggiati tra i professori di diritto non parlamentari. E il vicepresidente? Facciamolo scegliere al Presidente del Csm, cioè al Capo dello Stato.
 
Altre sull'argomento
Contundente
Contundente
Depoliticizzare
Le toghe e la doppia verità
Le toghe e la doppia verità
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Altro parere
Altro parere
Silenzi assordanti
Giustizia, il bastone e la carota di Draghi
Giustizia, il bastone e la carota di Draghi
Verifichiamo di quanto riusciremo a velocizzare i processi
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.