Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Lo spauracchio della Cina

E' rischioso sostenere una presunta (e falsa) superioritÓ dei sistemi autoritari

Innocenzo Cipolletta 02/04/2021

La Conferenza politico consultiva del popolo cinese La Conferenza politico consultiva del popolo cinese Dobbiamo temere la Cina come potenza che ci sovrasterà economicamente se non la fermiamo? Se così fosse, dovremmo anche pensare che il regime autoritario di stampo comunista sia di gran lunga superiore a quello delle democrazie liberali e dovremmo quindi adattarci anche noi. E in effetti già molti si dichiarano favorevoli a sistemi più autoritari, mentre nei rapporti internazionali si sta pericolosamente tornando verso forme di nazionalismo stantio.
 
Credo sia un grosso errore pensare che l'autoritarismo funzioni meglio delle democrazie. La Cina è forte nell'imitare quello che si produce nel nostro mondo ma sarà sempre indietro nell'innovare, perché le vere innovazioni nascono dove c'è libertà di espressione. Continuare a sventolare lo spauracchio della Cina finirà per esaltare il nostro ed il loro nazionalismo con il rischio di ritrovarci prossimi a un conflitto globale. Vale la pena di fermarci per tempo.
TAG: cina
Altre sull'argomento
La tela di seta
La tela di seta
La Cina si muove in Medio oriente
La Nato cambia pelle
La Nato cambia pelle
Gli Usa chiedono alla Ue di serrare le fila contro Russia-Cina
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Il 25 e 26 il premier Draghi partecipa al Consiglio europeo
Biden tesse la sua tela ômuscolareö
Biden tesse la sua tela ômuscolareö
La Casa Bianca richiama gli alleati alla coerenza contro Russia e Cina
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.
Roberto Casati 02/04/2021 15:23
Parole del tutto condivisibili e molto opportune. E che, al di lÓ dei profili economici, vanno interpretate e applicate in senso ampio alla vita sociale ed ai regimi politici. L'efficienza come criterio principale, e per taluni unico, per valutare un sistema o un metodo o un comportamento Ŕ la negazione dei valori di responsabilizzazione individuale e libertÓ che hanno improntato le nostre aspirazioni e le nostre culture nei secoli. La democrazia Ŕ spesso inefficiente perchÚ si fonda sulle scelte libere e consapevoli dei cittadini anzichÚ sulla paura o la costrizione. E' la tentazione (o l'obiettivo) del potere e dei governi ridurci a sudditi in nome dell'efficienza. I treni di Mussolini arrivavano in orario, ricordiamocelo.