Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

M5S agli Stati Generali “cinesi”

Non si capisce come sarà organizzato il dibattito sulle diverse posizioni politiche

Paolo Mazzanti 23/10/2020

M5S agli Stati Generali “cinesi” M5S agli Stati Generali “cinesi” Ricorda vagamente il metodo elettorale del Congresso nazionale del popolo cinese, il Parlamento di Pechino, con quasi 3 mila deputati, il sistema congegnato per i famosi Stati Generali del M5S che, essendo la principale forza politica alle Camere e al governo, purtroppo ci riguarda tutti. Come in Cina, gli Stati Generali prevedono un sistema di trasmissione del consenso piramidale, dal basso verso l’alto. Rigorosamente escluso ogni confronto tra proposte politiche contrapposte e candidati al vertice, per esempio tra i governisti di Di Maio-Fico e i “puristi” anti Pd di Casaleggio-Di Battista.
 
Domani e domani si comincia con gli incontri on line a livello locale nei quali i militanti dovrebbero avanzare proposte, discutere tra loro e trasmettere i loro documenti, si presume “unitari”, al livello regionale, che si riunirà sempre on line il 31 ottobre. Poi, si suppone, i documenti usciti dalle assemblee regionali verranno impastati in un documento nazionale, sempre “unitario”, che verra’ discusso nell’assemblea nazionale del 14-15 novembre, anch’essa on line. Il documento finale verra’ infine messo ai voti sulla piattaforma Rousseau. E se verra’ bocciato? Si ricomincerà da capo? Sarebbe stato meglio un vero congresso con mozioni e candidati diversi e contrapposti, da sottoporre al giudizio della base: chi vince dirige; chi perde fa la minoranza interna (o se ne va). Ma i grillini, che si ritengono democratici, inseguono una mitologica “unita’” di pura facciata, mentre in realtà si combattono furiosamente e sono quasi alle carte bollate. Cosi’ il confronto fra programmi e candidati contrapposti, che e’ il sale della democrazia, resta opaco, nascosto, non emerge alla luce della pubblica opinione (proprio come in Cina) e tiene maggioranza e governo in perenne stato di fibrillazione.
 
Altre sull'argomento
Contundente
Contundente
Populismi
Di Maio nella palude grillina
Di Maio nella palude grillina
Che sta logorando governo e maggioranza
Cancellare i debiti? Molto rischioso ripeterlo
Cancellare i debiti? Molto rischioso ripeterlo
Sassoli e i grillini finiscono per minare la credibilità del nostro ...
Berlusconi s'impone su Salvini e Meloni
Berlusconi s'impone su Salvini e Meloni
Il centrodestra ha votato a favore dello scostamento di bilancio
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.