Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La pandemia dell'aggressione criminale

Le mafie rischiano di acquisire le attivitÓ economiche prostrate dal Covid19

Giancarlo Santalmassi 24/09/2020

La pandemia dell'aggressione criminale La pandemia dell'aggressione criminale C’è una pandemia nella pandemia. Il virus ha impoverito il paese. Famiglie e persone o sono prive di soldi o pur avendone non spendono per paura. Lo spettacolo urbano, e non solo urbano, dei negozi chiusi che non hanno riaperto dopo le settimane dì lockdown, ha reso desolate le nostre città. Si reagisce con la violenza senza nemmeno pensarci sopra, sia che si tratti di Colleferro che di Caivano. E si preannuncia un secondo disastro, gravissimo: tutto potrebbe essere controllato dall’unica multinazionale sovranazionale in possesso di enormi liquidità: la mafia. Ristoranti, negozi, caffè possono essere acquistati da mafia, camorra o ndrangheta, i soli possessori di cash a volontà che si trovano sul mercato. Una seconda pandemia, insomma. Molto peggio del covid19. Che lascia capire come dopo, quando si spera e pensa che sarà passata, nulla sarà uguale a prima.
 
Altre sull'argomento
Inps, l'autodifesa di Tridico
Inps, l'autodifesa di Tridico
I ritardi nell'erogazione della cassa integrazione e l'utilizzo delle ...
L'effimero rimbalzo del Pil
L'effimero rimbalzo del Pil
Superiore alle attese nel terzo trimestre, ma ricadrÓ nel quarto
La Bce prorogherÓ gli acquisti di titoli
La Bce prorogherÓ gli acquisti di titoli
Altri 500 miliardi fino a dicembre del prossimo anno
Un Paese disorientato
Un Paese disorientato
Servirebbe un ôprogetto Italiaö a medio-lungo termine per ricostruire ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.