Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il 2 giugno da pellegrino laico di Mattarella

Niente parata militare per la Festa della Repubblica

Giancarlo Santalmassi 01/06/2020

Sergio Mattarella all'Altare della patria Sergio Mattarella all'Altare della patria Che strano questo 2 giugno, questa festa della Repubblica costretta anche lei a un "lock-down" senza precedenti, senza parate e senza che Salvini (Lega) e Meloni (Fratelli d'Italia) possano salire al monumento al Milite Ignoto, intenzione gelata da Palazzo Chigi (Presidenza del Consiglio). Lì può salire solo il Presidente della Repubblica, unico rappresentante dell'unità nazionale. Intendiamoci: la parata ai Fori Imperiali era evaporata da tempo. Ma la scoloritura era avvenuta già da anni: per esempio restava l'applautidissima fanfara dei bersaglieri, ma i carri armati non passavano più, per rispetto della stabilità del sempiterno Colosseo, l'immagine più riconosciuta al mondo. Sergio Mattarella andrà in una sorta di pellegrinaggio laico in visita a Codogno in Lombardia (dove è esploso il contagio da Covid e la mortalità) e a Roma, allo Spallanzani, l'ospedale che per primo ricoverò una coppia di cinesi restituendoli poi guariti alla vita e dove il virus fu isolato.
 
I giardini del Quirinale saranno off limits: perché nel passato hanno consolidato l'immagine della festa, immagine oggi inopportuna. Sarebbe bene, invece, rammentare le parole pronunciate nel 1948 dal primo presidente della Repubblica, Luigi Einaudi: "Il trapasso avvenuto il 2 giugno dall'una all'altra forma istituzionale dello Stato fu non solo meraviglioso per la maniera legale e pacifica del suo avveramento, ma anche perché fornì al mondo la prova che il nostro Paese era ormai maturo per la Democrazia. Che, se è qualcosa, è discussione, è lotta anche viva, anche tenace tra opinioni diverse ed opposte, ed è alla fine, la vittoria di una opinione chiaritasi dominante sulle altre".
Altre sull'argomento
Il segnale sbagliato della piazza
Il segnale sbagliato della piazza
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
L'America senza leader
L'America senza leader
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Agenda della settimana
Agenda della settimana
Una Festa della Repubblica segnata dal virus
A rischio l'unita' dello Stato
A rischio l'unita' dello Stato
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.