Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Chi finanzia il bilancio europeo

Tutti chiedono di aumentarlo, ma chi paga?

Paolo Mazzanti 10/02/2020

Charles Michel, David Sassoli, Ursula Von Der Leyen Charles Michel, David Sassoli, Ursula Von Der Leyen Venerdì si è tenuto a Roma un convegno sul nuovo bilancio europeo 2021-2027 organizzato dall'Europarlamento in vista del Consiglio europeo del 20 febbraio in cui gli Stati membri dovranno discuterne e forse decidere. La Commissione ha proposto un bilancio pari all'1,1% del Pil europeo, circa 1.100 miliardi nel settennio. L'Europarlamento vorrebbe arrivare almeno all'1,3%, 240 miliardi in più nei 7 anni. Nel dibattito romano tutti gli intervenuti (politici italiani ed europei, esponenti di industria, agricoltura e sindacati) si sono ovviamente dichiarati a favore dell'1,3%, aumentando le spese per clima e ambiente, ricerca, difesa, migranti, welfare e via elencando, ma senza penalizzare le altre voci, a partire dall'agricoltura, che oggi "vale" il 37-38% del bilancio. Anzi, alcuni hanno chiesto che parte dei fondi del green new deal vadano agli agricoltori.
 
Nessuno ha detto però come finanziare questi aumenti. Siccome i soldi al bilancio Ue, che deve essere in pareggio, arrivano dagli Stati, dall'Iva (0,3% sugli imponibili nazionali) o dai dazi e dalle multe dell'antitrust Ue, le strade sono quattro: o gli Stati scuciono più soldi o si aumenta l'Iva "europea" o si aumentano dazi e multe o si immaginano nuove imposte europee, magari la famosa web tax da far pagare ai grandi di internet. Siccome nessuno vuole aumentare le tasse (e tantomeno dazi o multe), il vero rischio è che siano gli Stati a dover pagare di più e lo facciano non riducendo i propri bilanci e le proprie spese, ma aumentando i deficit pubblici, col rischio di nuove crisi finanziarie, quando terminerà la bonaccia sui tassi.
Altre sull'argomento
 Non preoccupiamoci per le quote di mercato
Non preoccupiamoci per le quote di mercato
Passata l'emergenza i clienti e i turisti torneranno
Altro parere
Altro parere
Il virus non Ŕ il capitalismo
Non incrinate la fiducia
Non incrinate la fiducia
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
I pericoli del virus ungherese per la democrazia
I pericoli del virus ungherese per la democrazia
I pieni poteri concessi dal Parlamento al premier Orban
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.