Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il M5S al bivio tra Di Maio e Conte

Dopo la sconfitta umbra, il capo politico, a differenza del premier, esclude nuove intese regionali col Pd

Paolo Mazzanti 30/10/2019

Giuseppe Conte e Luigi Di Maio Giuseppe Conte e Luigi Di Maio La batosta umbra ha reso palese ciò che era latente: il conflitto tra il capo politico del M5S Di Maio e il premier Conte, indicato dal M5S e dunque grillino di complemento. Di Maio considera fallito e non più praticabile l'"esperimento" umbro di alleanza Pd-M5S e annuncia che alle prossime regionali, a partire da quelle emiliane del 26 gennaio, il M5S si presenterà da solo (al massimo insieme a qualche lista civica), il che significa sconfitta certa. Conte ha giudicato quello umbro "un test da non trascurare" e ha esortato Pd e M5S a prendere tempo per riflettere, perché "l'alleanza si può migliorare" nei prossimi appuntamenti regionali. Al di là delle posizioni esplicite, tra Di Maio e Conte c'è ormai un abisso.
 
Di Maio ha subìto il governo col Pd ed è sembrato rimpiangere l'intesa con Salvini che gli aveva proposto Palazzo Chigi. Conte ha liquidato ogni ipotesi di nuova intesa M5S-Lega e ha voluto quella col Pd, intesa che per sopravvivere a Roma deve estendersi a livello locale e diventare "strategica", come dice Franceschini. Il M5S è di fronte a una scelta non più rinviabile: deve decidere se tornare all'infanzia anarcoide, come a volte sembra volere Di Maio, oppure se istituzionalizzarsi definitivamente, portando a conclusione il processo avviato col governo gialloverde, come vorrebbe Conte. Da qui deriva anche il futuro delle alleanze locali col Pd, su cui gli esponenti grillini si stanno dividendo verticalmente, come su Di Maio, di cui esponenti storici come Ruocco e Giarrusso hanno chiesto le dimissioni. Non sarebbe il caso di interpellare il buon Rousseau sulla strategia e conseguentemente sulla leadership futura?
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
L'illusione che lo Stato mantenga tutti
Contundente
Contundente
Poltrona
Le sardine conservatrici
Le sardine conservatrici
I giovani emiliani anti-Salvini nuovi protagonisti della scena politica
Un Paese immobile
Un Paese immobile
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.