Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Il M5S alla prova maturitÓ

La festa per i 10 anni a Napoli conferma il nuovo corso

Paolo Mazzanti 14/10/2019

Il M5S alla prova maturitÓ Il M5S alla prova maturitÓ Il "vaffa" di Beppe Grillo-Joker ai malpancisti che continuano a lamentarsi per l'"inevitabile" alleanza col Pd; il rimprovero di Casaleggio a chi non c'è, dal filoleghista Paragone alle ex ministre Grillo e Lezzi, in lutto per la perdita delle poltrone; la promessa di Di Maio di una gestione collegiale ("il Movimento sarà gestito da 80-90 persone"); l'ovazione al premier Conte, che spinge i militanti alla maturità: "Non siete l'antipolitica, ma il trionfo della buona politica". Nonostante l'area di dissenso o perplessità (mancavano parecchi parlamentari e non si è presentato neppure Di Battista, critico sul governo col Pd, ma per motivi familiari) l'impressione è che il raduno del decennale a Napoli abbia fatto fare un altro passo ai grillini verso il realismo e l'impegno, fuori dalle utopie e dal ribellismo anarcoide. In questo giocano anche i buoni rapporti personali coi leader del Pd, Zingaretti e Franceschini in primis, certificati da Di Maio e persino da Grillo ("il Pd ci sta copiando"), che si prende una storica rivincita: quando si candidò alle primarie piddine venne escluso e Fassino profetizzò a sua insaputa: se vuole far politica si faccia un partito suo.
 
La strada della piena maturità politica è però ancora lunga, come dimostrano l'indifferenza, o peggio, dei militanti verso i giornalisti. Ora i mal di pancia si spostano a livello regionale. L'intesa in Umbria col Pd a sostegno del candidato civico Bianconi non è stata digerita da molti e ci sono forti resistenze per estenderla a Calabria, Emilia-Romagna, Toscana, Campania e Puglia, come propone Zingaretti per cercare di battere il centrodestra, che altrimenti avrebbe la vittoria spianata. Il vertice pentastellato procede con grande cautela ("decideremo caso per caso") e conterà molto il risultato umbro di domenica 27 ottobre. Lì si vedrà se anche i due elettorati stanno maturando e accettano di mescolarsi.
 
Altre sull'argomento
Altro parere
Altro parere
L'illusione che lo Stato mantenga tutti
Le sardine conservatrici
Le sardine conservatrici
I giovani emiliani anti-Salvini nuovi protagonisti della scena politica
Oggi hanno detto
Oggi hanno detto
Interviste da non perdere
L'ex ministra Trenta e l'assegnazione degli alloggi pubblici
L'ex ministra Trenta e l'assegnazione degli alloggi pubblici
Ci vorrebbe un nuovo indice per i politici trombati che hanno bisogno ...
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.