Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Se Al Bano e' una spia di Putin

Lo scontro politico che deforma la realta'

Giancarlo Santalmassi 12/03/2019

Albano Carrisi Albano Carrisi C’è un rischio di grande attualità in questo momento. La cancellazione non tanto della memoria di quanto accaduto, ma soprattutto del perché è accaduto. A Milano hanno imbrattato la statua di Cilindro da Fucecchio (Indro Montanelli). Era l’8 Marzo e qualcuno si è ricordato che Indro aveva comprato una ragazzina per 500 lire nel 1937 durante la campagna d'Africa, una giovanissima moglie etiope (che era una specie di principessa e gli era stata regolarmente venduta dal padre con tutti gli onori, come usava allora). Questo riapre la polemica mai sopita sul fascismo dell’antifascista Montanelli. Adesso Al Bano, il cantante Albano Carrisi più noto per essere il marito di Romina Power, il genero di Linda Christian e Tyrone Power e il padre della povera Ylenia Carrisi, scomparsa misteriosamente 25 anni fa a New Orleans, è stato messo al bando dall’Ukraina perchè troppo amico di Putin per il quale cantava spesso a Mosca, come un Philby (la celebre spia) qualsiasi.
 
Lo scontro politico sta cambiando la percezione della realtà intorno a noi. Sia culturale (vedi i fondi sauditi rifiutati dalla Scala), che ‘monumentale’. Ricordate i Budda di Bamijan, la cui distruzione segnò la nascita dell’Isis? Ed ecco l'abbattimento delle statue di Cristoforo Colombo in Sudamerica e del generale Lee e Grant negli Stati Uniti del Nord e del Sud. Qualcuno lo definisce neomaccartismo, un complesso un po' grottesco e triste che appiattisce storia e culture. E per non smentirsi, Putin, che ritiene l’Europa una penisola della Russia, sale su un camion e lo guida personalmente sino in Crimea. Erano altri tempi quando Eduardo De Filippo veniva chiamato a Mosca perche' vi recitasse le sue commedie!
Altre sull'argomento
La bionda, la sbronza, il produttore
La bionda, la sbronza, il produttore
Stangata a Vienna, elezioni in Europa
Alta tensione nello stretto di Hormuz
Alta tensione nello stretto di Hormuz
Rischi di conflitto tra Arabia e Iran mentre gli Usa mandano la flotta
Stallo armato in Venezuela
Stallo armato in Venezuela
L'esercito resta in gran parte fedele a Maduro e gli Usa temporeggiano
Altro parere
Altro parere
Adesso Matteo ha le spalle al muro
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.