Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Le lezioni della Brexit

L'esigenza di autonomia e libertÓ rischia di provocare protezionismo e chiusura

Andrea Battista 03/08/2018

Manifestanti contro la Brexit Manifestanti contro la Brexit Le lezioni della Brexit sono molte. Alcune sono attese e per certi versi ovvie, altre dinamiche un po' trascurate. Mi soffermo su tre aspetti. La realtà dei moderni grandi aggregati economici e sociali è enormemente più complessa di quanto le inevitabili semplificazioni dei piani a tavolino assumono. Pensare di poter prevedere gli effetti anche macro di grandi sommovimenti è illusorio, per una quantità di motivi ineludibili, dalle nostre limitate conoscenze in primis ma anche e soprattutto per l'instabilità/imprevedibilità delle reazione degli operatori. In ogni caso, dunque, i radicali cambiamenti istituzionali sono per definizione molto rischiosi.
 
Gli autonomismi spesso nascono anche in buona fede all'insegna del grido "libertà", scagliandosi contro regolamentazioni e burocrazie centrali. Ma, in una colossale eterogenesi dei fini, queste dinamiche tendono a tradursi nell'opposto: protezionismo, chiusura al mondo esterno e revanche delle burocrazie locali. Infine, la gestione di alcune vicende autonomistiche del passato - che erano state definite in modo giudicato costoso, come quella dell'Alto Adige - vanno assolutamene rivalutate, se nella temperie europea di oggi non hanno trovato alcun alimento per una loro rinascita.
Altre sull'argomento
Brexit, gli inglesi ci ripensano?
Brexit, gli inglesi ci ripensano?
Proposto un referendum con quesito multiplo
L'Italia senza Marchionne
L'Italia senza Marchionne
Viene a mancare un ancoraggio internazionale
La calda estate del Brexit
La calda estate del Brexit
Westminster nel caos va in vacanza
Altro parere
Altro parere
La potenza di uno scatto
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.