Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

La politica degli strappi continui

Tra M5S e Lega e nel centrodestra, mentre il Pd deve elaborare il lutto

Riccardo Illy 02/08/2018

La politica degli strappi continui La politica degli strappi continui Sulla nomina del presidente RAI si e' consumato l’ennesimo strappo fra Lega e FI (l’argomento sta molto a cuore a Berlusconi dato che si tratta del suo principale concorrente). Strappi quotidiani anche fra Lega e M5S che su molti temi (mercato del lavoro, TAV, legittima difesa...) hanno posizioni opposte. Nei prossimi mesi ne vedremo ulteriori fra Lega e FI che, va ricordato, sono alleati nelle principali Regioni del nord; dalla Lombardia al Friuli, oltre che in moltissime amministrazioni provinciali e comunali. Le prossime scintille riguarderanno probabilmente la legge di bilancio, da presentare entro metà ottobre. O forse ancor prima il DEF, che ne costituisce le premesse.
 
FI si opporrà a ogni forzatura ai vincoli europei, che il Parlamento potrebbe votare a dispetto della seria impostazione del Ministro Tria. Che farebbero scattare, in prossimità della scadenza del QE della BCE, violente reazioni dei mercati. Con conseguenti aumenti dei tassi, cali dei consumi e degli investimenti; anche pubblicitari… Nel 2019 arriveranno le elezioni europee; poco male perché il sistema elettorale è proporzionale e sarà quindi in ogni caso un “tutti contro tutti”. Ma ci saranno anche le regionali, in particolare in Piemonte ed Emilia-Romagna; nella prima Lega e FI hanno già governato in passato e in entrambe potrebbero cercare di strappare la presidenza a un PD che non sembra essersi ancora ripreso dalla batosta delle recenti politiche. Sempreché la Lega e il M5S non decidano di presentarsi assieme alle regionali, per rafforzare la traballante coalizione di Governo. Un po’ come quelle coppie in crisi che pensano di uscirne avendo un altro figlio. In questo caso FI rischierebbe l'irrilevanza e potrebbe giocare la carta della minaccia di crisi nelle Regioni di centrodestra.
 
Altre sull'argomento
Il capro espiatorio bancario
Il capro espiatorio bancario
Le banche avrebbero bisogno del governo per accelerare il risanamento
Il potere e il senso del limite
Il potere e il senso del limite
Sintesi degli editoriali dei principali quotidiani
Contundente
Contundente
Par condicio
Gli sventurati creditori Atac (romani compresi)
Gli sventurati creditori Atac (romani compresi)
Con il concordato preventivo impiegherebbero anni a rivedere qualche soldo
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.