Versione stampabile Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Satiro lombardo

Il processo a Maroni per presunta assunzione irregolare di due signorine bionde

L'Irriverente 10/11/2017

Satiro lombardo Satiro lombardo Se fosse dotato della facoltà di bilocalizzarsi, il presidente della Lombardia Roberto Maroni, detto Bobo, ieri avrebbe dovuto essere, oltre che all’ avvio del tavolo col governo sull’autonomia a Roma, anche al tribunale di Milano (dove andrà prossimamente perchè ieri l’udienza si è tenuta ovviamente senza di lui) per difendersi dall’accusa di “turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente” (avrebbe manipolato gare d’assunzione) e “induzione indebita”, reato che per la legge Severino potrebbe persino farlo decadere. Maroni, in sostanza, avrebbe fatto assumere irregolarmente due avvenenti signorine bionde in due società regionali: Maria Grazia Paturzo a Expo e Mara Carluccio a Eupolis, società di formazione e ricerca che, guarda caso, ha fornito alla Regione i dati sui 57 miliardi di presunto residuo fiscale lombardo.
 
Interrogata tempo fa, la Paturzo ammise di essere andata “diverse volte” a casa di Maroni a Roma, ma negò di essere legata a lui da un rapporto sentimentale: “Io – spiegò così alcuni sms piuttosto intimi inviati a Bobo - sono una persona affettuosa e il tenore di quei messaggi è dovuto a un rapporto di stima, amicizia, benevolenza, a un atteggiamento confidenziale, come lo avevo con altri”, fanciulla generosa. Nei giorni scorsi è toccato alla Carluccio:”A Maroni non ho mai chiesto nulla. Ho sempre aspettato che fosse lui a chiamarmi”. E lo sventurato, chiamava. Sullo sfondo, la terza donna, Isabella Votino, l’avvenente bruna portavoce di Maroni sin dal ministero degli Interni, quando dava ordini a prefetti e generali. “Va bene tutto – si sfogò al telefono col suo Bobo – ma farmi trovare Mara a lavorare con noi, mi sembra davvero scorretto, potevi almeno dirmelo”. Insomma, in un Palazzo Lombardia sempre più hot, siamo passati dal “casto” Formigoni al “satiro” Maroni. Ma uno normale, mai?
 
Nella foto: Isabella Votino, Roberto Maroni, Maria Grazia Paturzo
Altre sull'argomento
Quell'irresistibile voglia di separazione
Quell'irresistibile voglia di separazione
...e l'illusione degli Stati Uniti d'Europa
Illusioni e delusioni, i referendum lombardo-veneti
Illusioni e delusioni, i referendum lombardo-veneti
In realtÓ riguardano le competenze e non i soldi
Federalismo e presidenzialismo
Federalismo e presidenzialismo
La strategia di Berlusconi per il dopo referendum
Pubblica un commento
Per inserire un nuovo commento: Scrivi il commento e premi sul pulsante "INVIA".
Dopo l'approvazione, il messaggio sarà reso visibile all'interno del sito.